Land Rover Defender, fedele al passato ma non prigioniera

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] “Rispetta il passato, ma non ne è prigioniera”: così il responsabile del design Land Rover Gerry Mcgovern aveva parlato della nuova Defender. La nuova versione del veicolo off-road presenta miglioramenti sotto l’aspetto del comfort e delle prestazioni, con un occhio di riguardo anche allo stile rivisitato. Nel 2021 debutterà anche una variante ibrida plug-in del modello.

Defender 2020, fuoristrada high-tech con stile

Ci sono auto che hanno fatto la storia, e Land Rover Defender è una di quelle. Una di quelle, per chiarirci, cui ci si avvicina con il rispetto dovuto a un oggetto che da settant’anni quasi disdegna l’asfalto, per mettersi costantemente alla prova tra buche, sassi, sterrati, sabbia, neve, acqua e quant’altro non sia, per così dire, d’ordinanza. A ogni latitudine. Stavolta però c’era il timore di non riconoscerla dopo la rivoluzione, tecnica ed estetica, subita dalla nuova generazione. Il nuovo pianale monoscocca in alluminio e leghe leggere, capace di ospitare anche componenti elettrificate, le consentirà gli stessi numeri in off-road? O anche: sarà ancora riconoscibile, dopo un cambiamento di connotati così netto rispetto al passato? La Defender ha due varianti: la 110 a quattro porte e la 90 che ne ha due e il passo più corto, ma in accordo con le strategie commerciali Land Rover arriverà più in là. Oltre ai noti propulsori della gamma Ingenium, avrà anche i powertrain elettrificati. Il gasolio e benzina al lancio hanno 4 o 6 cilindri e due o tre litri di cilindrata. Quanto alle potenze, per i diesel sono di 200 e 240 cavalli, mentre salgono a 300 e 400 nel caso dei benzina. I quali sono pure dotati della tecnologia Mild Hybrid a 48V, mentre dal 2021 saranno disponibili anche le varianti ibride plug-in. La versione 110 ha un listino che parte da poco sopra i 57 mila euro, mentre la 90 che arriverà in futuro si ferma a 51.400. Ma attenzione, la lista degli optional è lunga e invitante. […]
Marco Scafati, Il Fatto Quotidiano



Go to Source

Commenti l'articolo