Lazio: Sarri, che sfortuna perdere Pedro e Zaccagni

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – REGGIO EMILIA, 12 DIC – “La sfortuna della nostra gara è stato perdere due giocatori fondamentali come Pedro e Zaccagni, che ci stavano dando parecchio in entrambe le fasi. Si poteva fare meglio in tre o quattro ripartenze, si poteva essere più fortunati sulla traversa di Basic, con il pallone che ha rimbalzato sulla riga, ma abbiamo perso contro una squadra che a mio avviso è molto forte e per capacità di palleggio non è seconda a nessuno”. Così Maurizio Sarri, nel dopopartita di Sassuolo-Lazio, recrimina sulla sconfitta dei suoi. “Noi paghiamo anche le assenze e qualcosa ci manca – dice ancora -: vediamo se il mercato ci darà possibilità di colmare lacune che oggi ci sono. Obiettivi oggi, per noi? Vediamo di costruirli col tempo, oggi siamo troppo fragili per porceli”. Sulla partita Sarri aggiunge che “abbiamo preso gol dall’avversario con un nostro difensore centrale nell’area altrui. Ci mancano cinismo e cattiveria e dobbiamo crescere molto nel gestire i momenti della gara”.    Soddisfatto Alessio Dionisi che dopo Juve e Milan, ha battuto un’altra big come la Lazio. “I miei hanno fatto una partita importante, e gli episodi ci hanno detto bene – sottolinea -. Se è stato il miglior Sassuolo per continuità? Non lo so, spero che il miglior Sassuolo si veda più avanti, magari già a Firenze, dove incontriamo un avversario che sta bene vince spesso ed è in fiducia”. “Oggi – aggiunge – abbiamo fatto la partita che volevamo fare, al cospetto di una grande squadra che qualcosa ci avrebbe potuto concedere anche perché sta giocando più di noi. E siamo stati bravi a non fermarci ai nostri errori, perché il primo gol, non dimentichiamolo, ha fatto gol su un nostro errore. Meriti anche loro, ovvio, ma dopo abbiamo fatto una grande prestazione. E nessun dubbio che abbiamo vinto con merito”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source