Le auto di Zak Brown: McLaren, Porsche e una Ferrari

Formula 1 Sport

Zak Brown ha una passione viscerale per i motori. E questo non soltanto perché è un ex pilota e numero uno di McLaren Racing. La sua passione per le quattro ruote arriva da lontano, da quanto ancora giovane abitava negli Stati Uniti. A questo proposito il CEO del reparto corse dell’azienda automobilista britannica ha un’incredibile collezione di supercar, alimentata in questi anni da diversi gioielli. Non soltanto McLaren ma anche Porsche, diverse monoposto da Formula 1 e persino una Ferrari.

McLaren, Brown: “Vendere Woking per uscire dalla crisi”

Il magazine britannico Autocar, nell’ambito dell’interessante rubrica “My Life in 12 cars” ha chiesto al CEO di McLaren Racing di provare ad inserire all’interno di una speciale classifica alcuni dei suoi modelli. “Mettere in fila le mie prime 12 auto preferite è un compito praticamente impossibile, specialmente se devo sceglierne una che mi possa piacere di più di un’altra. Tutte ispirano sentimenti significativi per me” ha dichiarato Zak Brown all’interno dello speciale a lui dedicato. Così il manager statunitense ha iniziato a mettere in fila i suoi gioielli. Ovviamente ci sono tante McLaren, a partire da una Speedtail, ultima arrivata all’interno della collezione. Brown l’ha definita un’auto “particolarmente elettrizzante”, forse anche alla luce della sua rarità: soltanto 106 esemplari in tutto il mondo. Ci sono poi una McLaren P1 del 2013 e una McLaren M8D, la stessa che nel 1970 Dan Gurney guidò due volte alla vittoria nella Canadian-American Challenge Cup.

McLaren Magic Bus, lo storico motorhome torna a Indy

Nella prestigiosa collezione di Brown poi anche alcune vetture che hanno fatto la storia della Formula 1, a partire dalla MP4/6 con cui Ayrton Senna vinse il Gran Premio di Montecarlo nel 1991, la stessa monoposto con cui quell’anno il pilota brasiliano avrebbe vinto il mondiale, prima McLaren ad essere motorizzata con il V12 Honda. Rimanendo in tema di Formula 1, tra i gioielli del CEO di McLaren Racing c’è anche la Lotus 79 di Mario Andretti, la stessa generazione con cui il pilota italo-statunitense vinse il titolo iridato nel 1978. Poi una lunga sfilza di auto da corsa, tra cui diverse Porsche ma anche una Ferrari F50, una scelta singolare che il numero uno di McLaren Racing ha subito giustificato, facendo ancora una volta appello alla sua grande passione per le auto: “La Ferrari F50 è un’auto iconica e la mia è una delle 30 realizzate in giallo. Ha un V12 da 4,7 litri sviluppato dal motore di Formula 1 da 3,5 litri che ha alimentato la grande macchina che la Rossa ha utilizzato in F1 nel 1990, la 641. È stata l’ultima con un cambio manuale ed è un’auto dal suono fantastico. Lo adoro. Chi non ama le splendide Ferrari?.”



Go to Source

Commenti l'articolo