Leclerc: “Austria 2019 la gara della svolta”

Formula 1 Sport

Dopo una lunghissima attesa la F1 in questo fine settimana disputerà il primo Gran Premio della stagione 2020 costretta ad attendere luglio prima di scendere in pista a causa della pandemia globale legata al Coronavirus. Il Circus inizierà un campionato sprint di cui va ancora definita la seconda parte in Austria, al Red Bull Ring, dove team e piloti sosteranno due settimane per due appuntamenti consecutivi il 5 e il 12 luglio.

Domenicali: “Leclerc, giusto puntare su di lui”

Un anno fa Charles Leclerc in qualifica firmò la pole position (la seconda di sette totali dopo quella ottenuta in Bahrain), ma in gara dovette rinviare ancora una volta l’appuntamento con la prima vittoria in F1 a pochi giri dal termine del Gran Premio, quando Max Verstappen riuscì ad aver ragione del pilota della Ferrari con una manovra al limite al tornantino Remus, con tanto di contatto tra i due che obbligò Leclerc ad allargare la traiettoria oltre il cordolo esterno.

GP Austria 2020: orari, circuito e televisione

Intervistato da Sky Sport F1, il pilota classe 1997 ha dichiarato che per certi aspetti quel fine settimana in Austria fu quello della svolta almeno per quanto concerne il suo stile di guida: “Abbiamo perso la vittoria a pochi giri dalla fine e per questo sono ricordi non proprio felicissimi quelli che ho legati al Gran Premio d’Austria della passata stagione, però ho imparato molto in quel weekend, dopo sono stato più aggressivo come stile di guida. In ogni caso non credo che avremmo vinto se fossi stato più aggressivo perché non eravamo abbastanza veloci”.

F1 | GP Austria 2020, le previsioni meteo

Secondo Charles Leclerc non sarà facile per la Ferrari fare meglio del secondo posto del 2019 nel fine settimana del Red Bull Ring ormai alle porte: “Sarà difficile, dobbiamo mantenere i piedi per terra perché non dobbiamo dimenticare che abbiamo avuto un inizio di stagione difficile nei test invernali a Barcellona. Lavoreremo sodo e poi vedremo dove ci troveremo”. 



Go to Source

Commenti l'articolo