Liguria, Autostrade: “Disagi fino ad agosto”

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] Non c’è pace con gli automobilisti liguri, che devono continuare a fare i conti con situazioni di forte disagio legato al traffico e alle code che si formano sulla rete autostradale a causa dei cantieri aperti. Uno scenario che secondo il Mit presto avrà fine, una versione in controtendenza con quella di Aspi che spiega come fino ad agosto la situazione non dovrebbe migliorare in maniera definitiva.

Liguria, il popolo del grande ingorgo

Alcune ipotesi di accelerazione ma nessuna soluzione concreta, almeno per ora, con la conferma della data del 10 luglio per entrare in una fase meno caotica, grazie alla riapertura delle ultime gallerie oggi in manutenzione nel nodo di Genova. Almeno rispetto all’apocalisse dei giorni scorsi, la giornata di ieri è trascorsa in relativa tranquillità. Le code si sono inevitabilmente formate ma non hanno raggiunto le vette dei giorni scorsi. L’assedio, però, è tutt’altro che levato. Autostrade prosegue col suo fitto programma di lavori e ispezioni in galleria, così come indicato dal ministero il 29 maggio. In campo ci sono oltre 1200 tra tecnici e operai. L’ultima galleria a riaprire sarà la Risso, sulla carreggiata sud della A26, questo venerdì. Questo, col progredire delle ispezioni, dovrebbe garantire condizioni di viabilità più ragionevoli. Così ha assicurato ancora una volta il ministero, dopo la riunione di ieri. La versione di Aspi è leggermente meno ottimista: la prosecuzione delle ispezioni nelle modalità imposte dal ministero continuerà a provocare disagi almeno fino alla fine di luglio. Perché, anche ammettendo che nessuna galleria da controllare nei prossimi giorni debba essere chiusa per interventi di manutenzione significativi, le chiusure notturne sono molto fitte – la rete ligure ha 285 gallerie – ed è sempre concreto il rischio che, in mattinata, o per concludere le verifiche o per piccoli ripristini, non si riapra al traffico puntuali alle 6. […]
Roberto Sculli, La Stampa



Go to Source

Commenti l'articolo