Site icon Notizie italiane in tempo reale!

Lituania-Italia stasera in campo alle 20:45

Da una parte la statistica, e dall’altra i tre punti che blinderebbero il cammino dell’Italia nel percorso che porta ai mondiali del Qatar. Questa sera, contro la Lituania, gli azzurri scendono in campo per la terza giornata delle qualificazioni europee e Roberto Mancini non nasconde che chiudere con una vittoria sarebbe una gran bella cosa, e non solo perché significherebbe il 25/o risultato utile consecutivo, come il primato del ct mondiale Marcello Lippi. “E’ un motivo di orgoglio essere vicino a lui e alle 30 di Pozzo – le parole di Mancini – E segno che stiamo facendo bene e che dobbiamo fare ancora meglio”. “Chiudere a nove punti – e’ l’idea del ct azzurro – sarebbe ottimo: abbiamo avuto tre partite in pochi giorni, con tanti viaggi.
L’insidia e’ il campo. Purtroppo qualche giocatore aveva problemi fisici prima, e con tante partite abbiamo preferito non rischiare”: ieri, ultimi di una serie, hanno lasciato il gruppo Verratti e Florenzi. Il ct conosce bene le insidie che nasconde il match di Vilnius: a preoccupare il gruppo azzurro le condizioni del campo sintetico, testato stasera per la prima volta in allenamento. “Le insidie sono quelle del campo, perché non siamo abituati a questo terreno di gioco ma abbiamo due giorni per farlo, ma anche una Lituania che sarà molto chiusa e non ci concederà molti spazi. E’ una squadra molto fisica che difende bene e giocano in casa. La Svizzera ha avuto tante occasioni – le parole del tecnico – ma ha vinto soltanto 1-0 e questo conferma che le partite sono tutte difficili soprattutto quando si arriva alla terza”. Potrebbe esordire in azzurro il difensore dell’Atalanta, Rafael Toloi.
“C’è questa possibilità – spiega il ct – e’ stato con noi una settimana e ci siamo conosciuti meglio”. Il tecnico non si sbilancia sulla formazione ce scenderà in campo a Vilnius, ma qualche indicazione la dà: “L’idea di Bernardeschi falso nove è sempre attuale. Stiamo valutando le condizioni di Immobile e Belotti, decideremo domattina. Insigne? Ha giocato due partite intere, molto faticose, valuteremo se impiegarlo”. Potrebbe essere della partita anche Federico Chiesa: “potrebbe giocare. Non sono così negativo sulle sue prestazioni – le parole di Mancini -. Sta bene e incute molta paura negli avversari. E’ un giocatore molto importante per noi”.
Chiusa la parentesi delle qualificazioni mondiali l’Europeo tornera ad essere protagonista e Mancini auspica un torneo con i tifosi all’Olimpico. “Tante dichiarazioni negative, a volte si fa anche fatica a sentirle: servirebbe un po’ di ottimismo, spero che la situazione sia risolta anche prima di giugno”.. Smaltita la gioia per il primo gol in azzurro (contro la Bulgaria), Manuel Locatelli guarda alla sfida di domani sera: “Non sarà una partita facile. Incontriamo una squadra forte, sappiamo cosa dobbiamo fare, dobbiamo scendere in campo per vincere”, dice. “Far parte della nazionale è un motivo orgoglio – le parole del giocatore del Sassuolo – la concorrenza è alta ma è bellissima, sono tutti bravi ragazzi e io darò sempre il massimo per farmi trovare pronto”. Locatelli parla poi del suo percorso, dall’addio al Milan all’approdo in nazionale. “Sono successe tante cose, da una delusione grande c’è stata una rinascita – dice – Voglio migliorare sempre di più ma non mi voglio fermare. Intendo godermi questo momento e pensare partita dopo partita perché bisogna rimanere con i piedi per terra”.



Go to Source

Exit mobile version