McLaren GT, materiali unici e high-tech

Formula 1 Sport

Le prestazioni di una vettura, soprattutto se parliamo di supercar, sono molto importanti, ma ci sono tanti altri elementi che convincono un cliente ad acquistare un modello piuttosto che un altro. Lo sa bene McLaren, che nello sviluppo e nella progettazione della GT ha curato in ogni minimo dettaglio gli interni dell’abitacolo. La casa automobilistica di Woking si è infatti avvalsa di materiali unici e high-tech per la loro realizzazione.

McLaren, governo UK respinge prestito da 150 milioni

Gli ingegneri McLaren ha studiato alternative ai rivestimenti tradizionali per coprire aree come il bagagliaio, i sedili e altre finiture. Per quanto riguarda il rivestimento del vano bagagli, ad esempio, McLaren ha scelto di utilizzare un nuovo materiale denominato SuperFabric, originalmente concepito per un’applicazione militare e aerospaziale. Uno dei grandi vantaggi garantiti da questo materiale è rappresentato dalla resistenza, che risulta aumentata contro macchie, tagli, intaccature e abrasioni. Ma le novità degli interni non sono affatto finite: l’elegante pelle in Nappa offerta di serie nella GT può essere sostituita da lussuosa morbida pelle o Alcantara, tutte soluzioni che provengono dalla società scozzese Bridge of Weir. In alternativa è possibile anche optare per il cashmere, offerto dal marchio di Woking nelle tonalità Dove Grey o Jet Black. Per quanto riguarda i comandi del guidatore, invece, McLaren ha lavorato a raffinate lavorazioni in alluminio lavorati e zigrinati.

“L’introduzione di innovativi materiali per gli interni è una grande sfida per qualsiasi McLaren – ha evidenziato Jo Lewis, Colour and Materials Design Manager di McLaren – Con la GT stavamo creando bellezza e lusso, senza dimenticare la funzionalità e la tecnologia avanzata entrambe patrimonio di ogni auto che progettiamo, e tutti confezionati con modernità. Tutto in una McLaren è lì per una ragione, non semplicemente per bellezza; i materiali devono essere autentici non solo nell’aspetto e al tatto, ma anche nel soddisfare i nostri requisiti per ridurre al minimo il peso e le prestazioni in uso”.

Go to Source

Commenti l'articolo