Mercedes, mai così veloci

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] – Un’interessante analisi del sito inglese RaceFans mostra come la Mercedes vista a Budapest sia stata la più dominante di sempre in termini di performance dal 2015. Un passo in avanti enorme rispetto alla concorrenza, sintetizzato in un grafico eloquente.

Una Mercedes dominante gode del maggior margine sui rivali da più di 100 gare
“La Mercedes ha stupito i suoi rivali in Ungheria, distanziando quasi tutte le altre auto di un secondo pieno in condizioni di asciutto. La Racing Point RP20 di Lance Stroll è stata l’unica macchina che ha girato a meno di un secondo dalle ‘frecce nere’ lo scorso fine settimana. Il suo giro di qualifica è stato di 0.93 secondi più lento di quello del poleman Lewis Hamilton, un gap dell’1,266% in un giro di 73 secondi. Questo è il più grande vantaggio in termini di prestazione che la Mercedes ha avuto dalla prima gara della stagione 2015, quando nessuno arrivò entro 1.39 secondi nelle qualifiche di Albert Park.
[…] Le prestazioni sorprendentemente scarse delle qualifiche della Red Bull sono in parte il motivo per cui la Mercedes è così avanti. E si noti che l’anno scorso, mentre la Mercedes aveva una vettura molto dominante in Spagna, più tardi nell’anno ha avuto una fase di sette gare senza essere la vettura più veloce.
[…]

[…]
Se Max Verstappen non fosse andato ai box un giro più tardi rispetto ad Hamilton all’inizio della gara e non avesse preso il comando per un giro, il pilota Mercedes avrebbe condotto ogni giro della gara. […].Hamilton ha prolungato il record, già suo, di 36 gare a punti di fila. Sono passati più di due anni da quando non è riuscito a terminare una gara nella top-10. Se Hamilton non avesse fatto il suo pit stop finale per montare un set di gomme aggiuntivo così da guadagnare il punto bonus sul giro più veloce, il risultato finale sarebbe stato ancora più deprimente per gli avversari della Mercedes. Solo i primi cinque piloti hanno finito a pieni giri […]
Keith Collantine, Race Fans, 20 luglio 2020



Go to Source

Commenti l'articolo