Messi terremoto al Barca mozione censura per Bartomeu

Messi: terremoto al Barca, mozione censura per Bartomeu

Calcio Sport
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 26 AGO – All’indomani della clamorosa decisione di Leo Messi di chiedere via fax al Barcellona la rescissione anticipata del contratto a costo zero, e mentre tutti sono in attesa che il campione dica la sua, tra Spagna e Argentina si moltiplicano voci e iniziative relative al futuro della Pulce, ma anche del club. Un atto ufficiale, in proposito, è venuto da uno dei candidati alla presidenza blaugrana, Jordi Farré, che ha presentato una mozione di censura nei confronti del n.1, Josep Bartomeu – il quale però non sembra intenzionato a dimettersi – e chiede le dimissioni del consiglio di amministrazione. Molti sono convinti, secondo la stampa spagnola, che un rapido cambio alla testa della società potrebbe indurre Messi a rivedere la sua posizione.    Il cda, intanto, è conscio che l’azione del giocatore, pur non sostenibile nei termini proposto, non può prevedere marce indietro e, secondo Marca, ci si prepara a trattare per trovare un accordo sull’uscita che viene ritenuta inevitabile. Quanto all’approdo di Messi dopo il traumatico divorzio, il quotidiano argentino Olè propone il Paris Saint Germain, dove ad attendere il giocatore sarebbero Neymar e Di Maria, oltre alle ricche disponibilità della proprietà qatariota. Sempre oltreoceano, si parla però anche di una telefonata di Messi a Guardiola per sondare il terreno su un possibile ingaggio col Manchester City.    A sostegno delle speranze dell’Inter, le parole di José María Minguella, uno dei primi scopritori di Messi, secondo il quale il giocatore “ha già una squadra: l’Inter. In Italia pagano meno tasse, è infatti è arrivato Cristiano Ronaldo”. (ANSA).   



Go to Source