Mondiali: Mancini rilancia ‘Un Gol per la Ricerca’ con Airc

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 11 NOV – In occasione della sfida Italia-Svizzera Il ct Roberto Mancini rilancia il ‘modulo 4-5-5-2-1’, il numero da comporre (chiamata o sms) per donare e fare ‘Un Gol per la Ricerca’ contro il cancro, coinvolgendo sportivi e tifosi al fianco degli oltre 5.000 ricercatori Airc.    La storica campagna di Fondazione Airc, promossa in collaborazione con Figc, Lega Serie A, Tim, Aia e con il supporto dei media sportivi, è giunta alla 25/a edizione. “Lo abbiamo già provato in passato! Solo con il 4-5-5-2-1 possiamo vincere questa sfida e fare tanti gol per la ricerca”, afferma il ct della nazionale. La squadra Airc può contare, tra gli altri, oltre che su Francesco Acerbi e Leonardo Bonucci, anche su Sara Gama e Lorenzo De Silvestri: “All’inizio sono rimasto un po’ spiazzato sull’utilizzo del 4-5-5-2-1…poi però il mister ci ha spiegato che se lo adottiamo tutti insieme possiamo vincere” . A rafforzare il messaggio di fiducia nel 4-5-5-2-1 anche la dottoressa Federica Rubbino, in rappresentanza dei 5mila ricercatori Airc, che ricorda come “l’impegno di ciascuno di noi sia fondamentale per garantire continuità ai progressi della ricerca, e Claudio Marchisio, ambasciatore Airc da oltre dieci anni, che invita tifosi e sportivi a unirsi per giocare insieme questa partita contro il cancro.    La partita Italia-Svizzera sarà anche l’occasione per i tifosi di fornire il proprio punto di vista sulla sostenibilità ambientale nell’ambito dell’organizzazione di eventi sportivi grazie al progetto LifeTackle. Il pubblico sarà accolto dai volontari di LifeTackle – riconoscibili dal giubbino verde con il logo Figc e dislocati dalle ore 18 lungo viale delle Olimpiadi, viale dei Gladiatori e presso il punto di ingresso di piazzale Lauro de Bosis – che forniranno un sondaggio predisposto dalla Scuola Superiore Sant’Anna a due anni di distanza dalla prima rilevazione effettuata in occasione della gara contro la Grecia. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source