Mondiali: Scaloni “Olanda equilibrata, spero non servano rigori”

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 08 DIC – “Sarà una bella partita da vedere, ci sono due squadre che si propongono di attaccare, ma controllandosi a vicenda. Se pensi solo ad attaccare, alla fine finisci per pagarla”. ha le idee chiare il ct dell’Argentina, Lionel Scaloni, alla vigilia del quarto di finale dei Mondiali con l’Olanda di Louis van Gaal che, sostiene, “è una squadra molto equilibrata, tutti difendono e tutti attaccano, ed è un po’ il riassunto del calcio di oggi. Anni fa si pensava che ci fossero quattro o cinque giocatori per attaccare e altri per difendere, ora è diverso”. Saloni ha ben chiaro che il collega olandese cercherà in tutto i modi di frenare Messi, ma ovviamente non rivela le contromisure che adotterà, “non voglio anticipare nulla, una cosa è dirlo e un’altra farlo”, auspicando di chiudere la sfida senza arrivare ai calci di rigore.    “Non penso certo ora ai rigoristi – dice rispondendo ad una domanda in conferenza stampa – Quelli si scelgono sempre dopo 120 minuti, sarebbe del tutto sbagliato farlo a priori. Comunque pensiamo a vincere nei tempi regolamentari”. Innervosito dalla questione, il tecnico reagisce poi male sulla questione delle condizioni di De Paul, che secondo alcuni media argentini lo metterebbero in dubbio per la partita. “L’allenamento di ieri è stato a porte chiuse quindi non so da dove arrivi questa informazione – sottolinea -. Rodrigo in linea di principio sta bene. Vedremo in allenamento per definire la formazione”, che dovrebbe comprendere tra i titolari anche Di Maria. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source