Mondiali:Egitto denuncia Senegal, ‘insulti razzisti e laser’

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 30 MAR – L’Egitto non ci sta e, ad opera della federcalcio locale, ha presentato alla Fifa una protesta formale, con tanto di denuncia e richiesta di provvedimenti nei confronti del Senegal, nazionale che ieri, nella sfida dello stadio ‘Me Abdoulaye Wade’ di Dakar, ha battuto ai rigori i Faraoni negando loro la possibilità di giocare i Mondiali in Qatar.    Con un comunicato la federazione egiziana sottolinea che “la nostra squadra è stata fatta oggetto di insulti razzisti, anche con striscioni, in particolare contro Mohamed Salah. Inoltre i nostri giocatori sono stati terrorizzati dai tifosi senegalesi, che hanno scagliato contro di loro bottiglie e pietre mentre stavano effettuando il riscaldamento prepartita”. Nella nota viene sottolineato anche il fatto che “all’arrivo allo stadio il nostro bus è stato attaccato, con tanti di vetri in frantumi che hanno provocato ferite. Il tutto è documentato da foto e video che alleghiamo alla denuncia”.    Altro elemento posto all’attenzione della Fifa è l’uso di laser puntati sui calciatori egiziani al momento dell’esecuzione dei calci di rigore, e c’è una foto, diffusa anche dalla Bbc, in cui si vede Salah quasi ‘accecato’ al momento di calciare il penalty finito poi oltre la traversa.    A tutto ciò risponde il presidente della federcalcio del Senegal, Augustin Sengho, che è anche vicepresidente della Caf, la confederazione calcistica africana. “Ovviamente ero allo stadio – le sue parole – ma non ho visto alcun oggetto scagliato dagli spalti contro gli egiziani. E se davvero sono stati usati dei laser, è la prima volta che accade in Senegal, al contrario di quanto avviene in Egitto. Comunque ora attendiamo i risultati dell’indagine sull’accaduto”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source