MotoGP | Espargarò e l’Aprilia in difficoltà in Austria

Formula 1 Sport

Anche se la posizione in griglia dopo la qualifica non è quella, strepitosa di Brno, c’è ottimismo nelle parole di Aleix Espargarò al termine del sabato in Austria. Su una pista storicamente complicata per Aprilia, il pilota spagnolo ha confermato ancora una volta il miglior feeling in sella alla RS-GP 2020. Una analisi approfondita delle prestazioni lo dimostra: in uno scenario che ha visto il tempo della pole position peggiorare rispetto al 2019, Aleix ha limato sei decimi rispetto al suo miglior crono della scorsa stagione. Un segnale importante e altrettanto solido se si sposta l’analisi sul passo gara.

Anche Bradley ha evidenziato una sostanziale crescita del pacchetto tecnico, resa forse meno evidente dalla gioventù del progetto. Le continue modifiche al setup che da un lato contribuiscono ad aumentare la conoscenza di team e piloti rispetto alla nuova moto, non rendono semplice la ricerca del miglior tempo sul giro. Queste prime gare vanno viste quindi come un “investimento” destinato a dare frutti in futuro.

GP Austria 2020, la griglia di partenza

Aleix Espargarò: “Sono onestamente soddisfatto. La RS-GP 2020 si conferma anche qui un passo avanti rispetto allo scorso anno. Non bisogna dimenticare che per noi questa rappresenta la pista meno ideale, quindi avere un buon feeling in Austria per me è molto importante. Dove possiamo puntare in gare? Io non vedo lontana la top-10, anzi. Un risultato peggiore mi lascerebbe l’amaro in bocca. Saranno fondamentali le condizioni meteo e, soprattutto, rimanere concentrati evitando errori nelle staccate importanti di questo circuito”.
Bradley Smith: “Anche se puo’ sembrare strano, stiamo facendo progressi. Siamo ancora in una fase dove è importante lavorare sul bilanciamento della moto, cambiando spesso il setup per capire le reazioni di questa nuova moto. Un lavoro che ci dividiamo io e Aleix. Quando fai questo, magari diventa più complicato cercare il tempo ma stiamo costruendo una base per questa e la prossima stagione. Sono soddisfatto di non aver riscontrato, a Brno e qui, i problemi di chattering che temevamo. Per domani l’obiettivo deve essere quello di rimanere nel gruppo e non esagerare, girare in gara con gli altri piloti è un momento fondamentale per far crescere la RS-GP 2020”.



Go to Source

Commenti l'articolo