MotoGP | Rossi, stop dall’Austria e Misano per gli allenamenti

Formula 1 Sport

Negli ultimi giorni, complice l’allargamento delle maglie disposto dal Governo italiano nella Fase 2 della lotta al Coronavirus, Valentino Rossi è tornato in pista con i ragazzi della VR46 al ‘Ranch’, la sua tenuta in provincia di Pesaro-Urbino. Ma il pilota della Yamaha aveva in mente un piano ben più articolato per gli allenamenti, in vista del via alla MotoGP previsto per la seconda metà di luglio.

Rossi voleva raggiungere il tracciato di Misano, a meno di 20 km da Tavullia, sua città di residenza, ma è stato costretto a desistere dal tentativo dal divieto di spostamento tra le regioni. La disposizione infatti sarà valida sino al prossimo 3 giugno, e non permetterà a Valentino di lasciare le Marche per spostarsi in Emilia Romagna. Bocciata anche l’idea di raggiungere l’Austria, per una sessione di allenamento al Red Bull Ring.

Sul tracciato di Zeltweg infatti negli ultimi giorni erano scesi in pista Jonas Folger e Marcel Schrotter e il ‘Dottore’ pensava di poter ottenere un permesso straordinario dal Cancelliere austriaco Sebastian Kurz per sbarcare all’aeroporto di Graz. Via libera non arrivato, come raccontato da Mandy Kainz, team manager del Yamaha Austria Racing Team, che aveva preso contatti con il Cancelliere: “Ho scritto una mail al vice cancelliere e ministro dello sport Werner Kogler, ma sfortunatamente non ho ricevuto risposta. Avrebbe potuto revocare il divieto di sbarco dall’estero, facendolo sbarcare a Graz“, ha concluso al tedesco Speedweek.

Go to Source