MotoGP | Yamaha-Lorenzo, situazione “frustrante”

Formula 1 Sport

Il clamoroso ritorno in Yamaha di Jorge Lorenzo con il ruolo di collaudatore – e la garanzia di una wildcard per la gara di Barcellona – sarebbe dovuta essere nelle intenzioni della casa di Iwata l’arma in più nel tentativo di sottrarre a Marc Marquez ed alla Honda lo scettro iridato. Vinales, Rossi, Quartararo e Morbidelli avrebbero tutti dovuto beneficiare della grande esperienza del pilota maiorchino, ma la pandemia di Covid-19 ha stravolto i piani della casa nipponica.

MotoGP | Lorenzo: “Yamaha può vincere il campionato”

“È frustrante, non esiste altro modo per descrivere come si sta dipanando l’anno di Jorge – ha sottolineato Lin Jarvis, Managing Director di Yamaha, intervistato dal sito tedesco Speedweek – i nostri piani con Lorenzo sono stati colpiti significativamente [dalla pandemia]. Jorge ha guidato solo due giorni a Sepang, che in realtà era solo uno test di adattamento per lui. Non ha fatto molto per noi. Avrebbe dovuto effettuare prove in Giappone e su alcune piste europee. Tutto era ben pianificato, ma ha dovuto essere cancellato”.

MotoGP | Lorenzo, lo shakedown con Yamaha

“Ora abbiamo programmato un test a Misano a metà stagione – ha sottolineato ancora un deluso Jarvis – ma finora non sappiamo se questo test avrà luogo. E anche se avrà luogo, sarà molto difficile per noi partecipare con Jorge perché il nostro team di test è composto principalmente da ingegneri giapponesi. Ma loro per il momento non sono autorizzati a viaggiare in Europa. È molto frustrante”. Lorenzo inoltre non potrà nemmeno essere schierato in gara, visto il divieto di utilizzare wildcard.

MotoGP | Lorenzo wildcard Yamaha a Barcellona

“È un peccato. Avevamo aspettative molto alte per questo nuovo progetto” ha aggiunto Jarvis, preoccupato che la sua squadra non possa ottenere un effettivo vantaggio dalla collaborazione con Lorenzo. “Possiamo chiamare alcuni dei nostri meccanici in Europa per allestire una moto per Jorge a Misano. Ma se andiamo semplicemente sulle piste senza uno scopo, senza obiettivi specifici, senza nuove parti da testare e senza gli ingegneri responsabili del team di test, allora non ha senso” ha concluso.



Go to Source

Commenti l'articolo