Paura per Donnarumma, legato e rapinato in casa a Parigi

Pubblicità
Pubblicità

Il portiere del Psg Gianluigi Donnarumma e la sua fidanzata Alessia sono stati rapinati la scorsa notte nella casa in cui vivono a Parigi. Lo ha confermato una fonte vicina alla coppia, confermando le informazioni del sito Actu17.    Donnarumma e la compagna, portati in un ospedale dopo l’aggressione, sono stati legati da “diverse persone” nel loro appartamento nell’ottavo distretto della capitale francese, ha riferito questa fonte.    La Brigata per la repressione del banditismo (Brb) della polizia giudiziaria parigina ha già aperto un’indagine su questa vicenda. Secondo fonti vicine al dossier, la coppia sarebbe stata legata sotto la minaccia “di un’arma” e Donnarumma è stato “leggermente ferito” durante la rapina. Dopo il colpo nel centro di Parigi i malviventi hanno poi preso la fuga. Secondo Actu17, l’allerta è stata lanciata dal personale di un albergo vicino dove la coppia si è rifugiata dopo essere riuscita a liberarsi. Il bottino è stimato attualmente a circa 500.000 euro in “orologi, gioielli, borse di lusso”, dice una fonte di polizia mentre altre fonti precisano che l’ammontare dei danni è ancora “in corso di valutazione”. Donnarumma dovrebbe partire domani per il Giappone insieme al Paris Saint-Germain (Psg). Oggi, doveva disputare un’amichevole di preparazione contro Le Havre. Diversi giocatori o ex giocatori del Psg sono già stati vittime di rapine in questi ultimi anni, in generale in loro assenza, in particolare, Presnel Kimpembe, Marquinhos, Thiago Silva e Angel Di Maria, Dani Alves, Eric Maxim Choupo-Moting, Sergio Rico o Mauro Icardi.
4 i rapinatori che hanno colpito in casa Donnarumma
Sono quattro i malviventi che hanno fatto irruzione questa notte nella casa del portiere italiano del Paris Saint-Germain Gianluigi Donnarumma, secondo i primi elementi dell’inchiesta rivelati da fonti della polizia francesi. I fatti si sono svolti intorno alle tre di notte nella sua residenza di avenue Montaigne, tra i viali più chic di Parigi, tra la Senna e gli Champs-Elysées. Secondo fonti di polizia, la coppia è stata oggetto di violenze, legata e minacciata “all’arma bianca”. Altre fonti si mostrano più prudenti. L’arma “è ancora da determinare”. Donnarumma, 24 anni, è stato “leggermente ferito”, mentre la compagna è rimasta illesa. Dopo la rapina i due sono riusciti a liberarsi e hanno trovato rifugio in un vicino albergo di lusso, che ha allertato la polizia. A tarda notte, sono stati condotti sotto shock in ospedale. Il colpo, il cui bottino è valutato al momento in mezzo milione di euro tra orologi, gioielli e borse di lusso, si aggiunge ad una lunga lista di rapine di cui sono stati vittime giocatori o ex giocatori del Psg. Rapine, osserva la stampa francese, che venivano però generalmente perpetrate quando i calciatori erano allo stadio, non in casa come Donnarumma. Il 2021 fu un anno nero con quattro calciatori rapinati in casa: Marquinhos, Angel Di Maria, Mauro Icardi e Sergio Rico. La squadra parigina decise all’epoca di potenziare temporaneamente la sicurezza presso le residenze degli sportivi, con agenti schierati dinanzi al portone 24 ore su 24.
Donnarumma e compagna portati all’ospedale americano di Neuilly
Dopo la violenta rapina di questa notte nel loro appartamento di Avenue Montaigne, nel cuore di Parigi, Gianluigi Donnarumma e la compagna Alessia Elefante sono stati portati all’ospedale americano di Neuilly-Sur-Seine, alle porte di Parigi. E’ quanto rivela radio Rtl sul suo sito web. Secondo fonti citate dall’emittente, prima radio privata di Francia, Donnarumma ripoterebbe “qualche lieve ferita”, la compagna è illesa ma sotto shock. Ancora in in fuga gli autori della rapina, ricercati dalla polizia. Fondato nel 1906, l’American Hospital of Paris – nel sobborgo ultrachic di Neuily-sur-Seine, alle porte della capitale – ha accolto negli anni star e personalità del mondo della politica, dello spettacolo e della cultura, tra cui Jacques Chirac e Johnny Hallyday
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *