Porto-Sporting che rissa; stampa, ‘match tossico’

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – LISBONA, 12 FEB – E’ finito con una rissa da far west il big match di ieri sera del campionato portoghese tra Porto e Sporting Lisbona. Il risultato finale è stato di 2-2, risultato che consente ai prossimi rivali della Lazio in Europa League di mantenere sei punti di vantaggio sullo Sporting, ma questa ‘classica’ del calcio lusitano verrà ricordata per la zuffa scatenatasi nel finale, con botte stile far west a causa della quale sono stati espulsi Pepe, Marchesin, Palhinha e Tabata. In precedenza, durante la partita, era stato espulso anche Coates.    Così ora oggi il quotidiano sportivo ‘A Bola’ titola in prima pagina “Tossico” inserendo nella O di questa parola il disegno di una maschera antigas, e chiede l’apertura di un’indagine sull’accaduto, mentre il titolo dell’altro giornale ‘Record’ è “Vergogna”. In prima pagina viene anche sottolineato che “il finale del ‘Clasico’ è stato caratterizzato da aggressioni, espulsioni e sputi. Matheus Reis (difensore dello Sporting ndr) è stato selvaggiamente aggredito da elementi della panchina avversaria”.    Insomma, per la squadra di Sergio Conceicao un modo tutt’altro che tranquillo di avvicinarsi all’appuntamento di giovedì prossimo contro i biancocelesti di Maurizio Sarri. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source