Portogallo: Santos, o Mondiali o mi cacciano? Non ci penso

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 23 MAR – “Se mi dà fastidio l’idea che potrei essere esonerato se non porteremo a termine il nostro compito? Ora non mi pongo il problema, perché sono troppo concentrato sulla partita di domani. E’ come una finale, sappiamo cosa fare e vogliamo andare ai Mondiali. Tutto il resto non conta”.    Alla vigilia della sfida contro la Turchia, in quello che per il Portogallo potrebbe essere il primo dei due spareggi per un posto a Qatar 2022, il ct Fernando Santos allontana le voci sul suo futuro. E anche il nome di quel Jorge Jesùs indicato da più parti come suo possibile successore in caso di mancata qualificazione. “Contro la Serbia abbiamo fallito, e mi sono preso la colpa – dice ancora -. Ma abbiamo lottato e vinto a Euro 2019 e nella Nations League del 2019 e ora vogliamo dare la stessa gioia alla nostra gente: giocheremo per undici milioni di portoghesi”. In difesa la coppia centrale al posto dei titolari Pepe (con il Covid) e Ruben Dias (infortunato) dovrebbe essere quella formata da Danilo e Fonte. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source