Racing Point, a Sochi con fiducia

Formula 1 Sport

Quarta in campionato costruttori dopo nove gare, ma con l’ambizione di riprendersi il terzo posto. La Racing Point nell’ultima tripletta di Gran Premi si è lasciata sfuggire la McLaren, che a Monza ha conquistato ben 30 punti: l’obiettivo del team principal Otmar Szafnauer è chiudere il gap quanto prima. Non sarà semplice raggiungere la terza piazza già a Sochi: il distacco in classifica è di 14 punti e l’incidente di Lance Stroll al Mugello ha messo in dubbio la presenza degli aggiornamenti in Russia. Molti pezzi, infatti, sono andati distrutti e in fabbrica si sta lavorando alacremente per portarli su entrambe le RP20 a Sochi. Al di là di questo, il canadese e Sergio Perez (a podio in Russia nel 2015) hanno grande fiducia per il prossimo Gran Premio.

Racing Point, aggiornamenti in forse per Sochi

Lance Stroll: “Sarà fondamentale uscire bene dall’ultima curva, perché poi c’è un lungo rettilineo. Lì si può perdere davvero molto tempo. Anche la lunga curva tre è importante, per il resto si tratta di guidare in modo pulito. Il posto migliore per sorpassare è certamente la curva due. Senza una buona velocità in rettilineo non ci sono speranze per difendersi. Abbiamo dimostrato nel corso della prima metà della stagione di poter essere competitivi su ogni tipo di circuito, dunque sono penso che possiamo lottare per ottenere un buon piazzamento a punti. Stiamo migliorando il pacchetto con gli ultimi aggiornamenti, questo è una spinta ulteriore anche per noi“.

Sergio Perez: “Mi piace molto Sochi, ho bei ricordi qui. Bisogna essere molto precisi in questo circuito, la frenata è molto importante. Ci sono molte curve con un’angolazione di 90°: non sono facili e devi assicurarti di guidare in modo pulito e ordinato, anche perché andare a muro è facile. Per quanto riguarda il prosieguo di questa stagione, penso che possiamo chiudere in crescendo. Sochi è una pista in cui sono sempre andato molto forte e penso che questo fine settimana potremo ottenere un buon risultato, considerando che sono stato anche sfortunato finora“.



Go to Source

Commenti l'articolo