Renault, sfida ardua anche per il CEO De Meo

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] Si avvicina il 1 luglio, data in cui Luca De Meo entrerà effettivamente in carica come nuovo CEO di Renault. La casa automobilistica della Losanga naviga in acque tutt’altro che tranquille, per questo gli sforzi che dovrà mettere in campo il manager italiano dovranno essere doppiamente efficaci. Di certo, a De Meo l’esperienza nel settore non manca.

Renault, De Meo: “Consapevole delle nostre difficoltà”

Luca de Meo è stato presentato venerdì, in occasione dell’assemblea generale degli azionisti del gruppo Renault, nella sede della società, a Boulogne, nella veste di direttore generale che indosserà ufficialmente il primo luglio. La sua prima volta in cui ha parlato a nome del costruttore francese, con un approccio umile ma fermo «potrete contare sulla mia determinazione, ho bisogno solo di tempo ma sono ottimista e fiducioso perché Renault ritornerà ad occupare lo spazio che le compete». Avrà cinque brand da dirigere: Renault, Dacia, Alpine, Lada e RSM, «che hanno l’anima nelle loro radici, ho avuto modo di vedere sia i prodotti attuali che i progetti già sviluppati, hanno impressionato anche un appassionato di auto come me». De Meo non ha nascosto le difficoltà che dovrà affrontare in un contesto economico così avverso ma ha sottolineato di essere sereno «ho già conosciuto, nei miei quasi trent’anni di carriera, situazioni simili. Mi metto a servizio della squadra, costituita da uomini e donne di grande competenza e di voi azionisti, conto sulla mobilitazione di tutti». Dall’inizio di giugno ha iniziato a visitare i centri ricerca, a provare vetture, a incontrare dirigenti, senza prendere alcuna decisione. Il presidente Jean-Dominique Senard ha fatto chiaramente intendere che tutto è bloccato, in attesa del suo arrivo ufficiale. A lui sarà chiesta la riduzione dei costi fissi (di circa 2 miliardi di euro), di ristrutturare le gamme con interventi mirati, per ottimizzare l’organizzazione e ritornare competitivi. […]
Bianca Carretto, Il Corriere della Sera



Go to Source

Commenti l'articolo