Renault stecca ancora, Ocon: “Non abbiamo ritmo”

Formula 1 Sport

Per la prima volta nel Mondiale 2020 la Renault non è riuscita a piazzare nessuno dei suoi due piloti in zona punti, vedendo così aumentare sensibilmente il distacco da Racing Point, McLaren e Ferrari nella classifica costruttori. Daniel Ricciardo è transitato sul traguardo in 11esima posizione, subito dietro alla McLaren di Lando Norris, mentre Esteban Ocon non è andato oltre la 13esima piazza. Proprio il giovane pilota transalpino, alla prima stagione con il team giallo-nero, è apparso il più preoccupato nelle dichiarazioni rilasciate dopo la gara.

“Dall’inizio del weekend abbiamo lottato con il ritmo della macchina. Soprattutto dalla mia parte abbiamo faticato – si è lamentato Ocon – abbiamo provato una strategia aggressiva e forse possiamo guardare almeno a questo, ma non c’è davvero nessun ritmo nella macchina. Ora c’è una settimana di stacco prima di Spa. Dobbiamo capire qual è la differenza tra le due vetture e cambiare buona parte della macchina prima del GP del Belgio“.

Ovviamente non particolarmente soddisfatto del risultato anche Daniel Ricciardo, che ha imputato il mancato raggiungimento della zona punti anche alla particolare configurazione del tracciato iberico, che rende difficili i sorpassi in pista: “Avendo già corso diverse volte da queste parti mi sono accorto che stavo raggiungendo la top-10, che mi stavo avvicinando, e sapevo che avrebbero dovuto fare loro un errore perché io potessi passare. Superare è difficile da queste parti e ho spinto fino alla fine. Una volta che entri in un treno dove tutti hanno il DRS è difficile. È un peccato quando ti avvicini ma non arrivi abbastanza vicino. Abbiamo fatto funzionare la strategia dell’unica sosta – ha poi aggiunto l’australiano – io ero dietro a Vettel, poi lui si è fermato prima di me e l’abbiamo perso. Credo che abbiamo trovato prima le bandiere blu e che sia lì che l’abbiamo perso. La prossima gara? Cercheremo di qualificarci meglio e poi saremo a Spa, dove si può superare”.



Go to Source

Commenti l'articolo