Ricciardo: “Positivo lottare con le Mercedes”

Formula 1 Sport

Nella confusione che ha regnato sovrana a Monza per il Gran Premio d’Italia 2020, una delle scuderie che forse ha raccolto meno di quanto avrebbe potuto è stata la Renault. Nel giorno dell’annuncio del passaggio al marchio Alpine per il 2021, il team francese ha portato a casa un sesto ed un ottavo posto. Risultati utili per la classifica costruttori, nella quale la Losanga ha sopravanzato in quinta posizione la Ferrari, ma che in circostanze di totale imprevedibilità come quelle viste a Monza avrebbero potuto essere persino migliori. Questo è il pensiero di Esteban Ocon, ottavo sotto la bandiera a scacchi e beffato nel corso dell’ultimo giro dal rimontate Lewis Hamilton.

Ufficiale: Alpine prende il posto di Renault

“Felice? Sì e no. Si poteva raccogliere molto di più la fuori oggi. Abbiamo fatto una gara forte in pista – ha sottolineato il francese, facendo riferimento alle tante circostanze particolari che hanno indirizzato la gara – ho passato tre vetture al via ed ero davanti proprio a Gasly. Eravamo forti, ma avendo fatto tre soste è stata un po’ una situazione particolare. Sono contrastato tra l’essere felice di aver comunque preso dei punti e il non esserlo per tutto quello che è successo. Non abbiamo esattamente raggiunto le nostre aspettative in termini di prestazioni. Rispetto a Spa è stato un po’ più difficile – ha concluso Ocon – ma eravamo comunque forti visto che abbiamo potuto lottare contro vetture forti in zona punti”.

“Sinceramente penso di aver fatto un grande gara – ha invece commentato Daniel Ricciardo nel dopo gara, parlando al sito ufficiale della F1 – la partenza è stata buona. Abbiamo guadagnato posizioni e ci siamo messi dietro anche Valtteri. Mi aspettavo che mi passasse ma l’abbiamo tenuto dietro. Poi con la Safety Car e la bandiera rossa noi siamo stati tra i più penalizzati. La nostra gara è stata condizionata e recuperare fino al sesto posto penso sia stato buono” ha aggiunto il pilota australiano. “Abbiamo gareggiato bene – ha poi concluso il pilota di Perth – Pierre si è trovato al posto giusto nel momento giusto ma non voglio togliergli merito. La prima vittoria te la devi sempre sudare, mentalmente è stata una gara difficile per lui. Giù il cappello. Noi siamo migliorati. Abbiamo tenuto dietro una Mercedes all’inizio e l’abbiamo inseguita alla fine. Prendo certamente il positivo che c’è in questo“.



Go to Source

Commenti l'articolo