Ricciardo, un altro podio sfiorato

Formula 1 Sport

Daniel Ricciardo ancora una volta ha dovuto accontentarsi del quarto posto. Nessun tatuaggio quindi per Cyril Abiteboul e per l’ex Red Bull nonché futuro pilota McLaren. La Renault, però, può andar fiera di un ottimo passo gara messo in mostra su un tracciato probante come il Mugello. Soltanto le due Mercedes e la Red Bull si Alexander Albon hanno fatto sfumare un podio che Ricciardo avrebbe meritato. Il pilota classe 1989 in occasione dell’ultima ripartenza aveva anche passato Bottas bruciandolo allo spegnimento dei semafori occupando così la seconda posizione dietro a Hamilton. Poi, non ha potuto opporsi alla carica di Bottas e Albon.

“Sono molto contento della gara di oggi perché siamo stati di nuovo vicini al podio – le parole di Ricciardo – è stata una lunga giornata, una gara caratterizzata da incidenti e bandiere rosse, ma l’importante è che tutti i piloti stiano bene. Sembrava che verso la fine della gara fossimo vicini al terzo posto, quindi è un peccato avvicinarsi così tanto e non riuscire a centrare l’obiettivo. Continueremo a spingere. Le nostre partenze sono state buone, ho anche superato Bottas, ma sia lui che Albon sono stati troppo veloci per resistere. Fa male non salire sul podio, ma il quarto posto è un grande risultato”.

Mondiale Costruttori F1 dopo GP Toscana 2020

Esteban Ocon ha dovuto arrendersi dopo la prima bandiera rossa a causa del surriscaldamento dei freni: “Abbiamo avuto un problema di surriscaldamento dei freni, motivo per cui oggi abbiamo dovuto ritirarci. Durante la Safety Car, i freni posteriori erano in fiamme, il che ha causato danni alla parte posteriore della vettura e a tutto l’impianto frenante e non siamo riusciti a rimetterlo a posto durante la bandiera rossa. Peccato, perché potevamo conquistare tanti punti”.



Go to Source

Commenti l'articolo