Roma: con Wijnaldum è amore, Shakhtar ultimo test

Pubblicità
Pubblicità

Il calcio d’inizio della Serie A si avvicina e l’euforia intorno alla Roma di José Mourinho cresce. Lo dimostra l’arrivo di Wijnaldum, con lo scalo aereo di Ciampino bloccato da oltre 400 tifosi in attesa dell’olandese, e lo dimostrano i numeri che i giallorossi metteranno in campo domenica sera nell’ultima sfida amichevole prima di fare sul serio. Contro lo Shakhtar all’Olimpico, infatti, sono attesi più di 65 mila spettatori per il primo sold out dell’anno. Insomma, una vera e propria festa e la società giallorossa ha già organizzato tutto nei dettagli: cancelli aperti dalle ore 18,15, presentazione della squadra alle 19,45, kick-off del match un’ora dopo e mini concerto di Blanco fra primo e secondo tempo. Non mancheranno iniziative sociali collaterali e non mancheranno nemmeno tutti i nuovi acquisti. Da Wijnaldum, ufficializzato oggi dopo le visite mediche di questa mattina, a Dybala. Tutti presenti per le prove generali in vista dell’esordio in campionato contro la Salernitana. Grande attesa c’è soprattutto per i ‘Fab Four’, visti tutti insieme per la prima volta in Israele contro il Tottenham e che potrebbero essere scelti ancora una volta dall’inizio. Pellegrini arretrato in mediana al fianco di Matic, Zaniolo e Dybala pronti a muoversi dietro Abraham: un mix di potenza e qualità che fa già sognare i tifosi, nell’attesa dell’inseririmento di Wijnaldum, ieri a cena con la squadra nel centro della Capitale.
“La società ha dimostrato quanto mi volesse attraverso gli sforzi fatti per chiudere positivamente la trattativa, così come lo hanno dimostrato tutti i tifosi che in questi giorni mi hanno manifestato affetto sui social media. Questo dà molta fiducia ad un giocatore”, ha detto dopo l’ufficialità che lo lega fino al 2025 in giallorosso. Lo ‘Special One’, però, non si accontenta e aspetta ancora Belotti e un centrale di difesa (Bailly in pole). Per sbloccare l’operazione ‘Gallo’ servirà prima cedere a titolo definitivo Shomurodov (il Bologna ha aperto al prestito con obbligo di riscatto), solo a quel punto si potrà formalizzare la trattativa già chiusa con l’ex Toro per un triennale a 2,8 milioni a stagione. Saluta, invece, Veretout, partito oggi per Marsiglia che lo acquista per 11 milioni e ai quali possono esserne aggiunti altri 4,5 di bonus. A titoli di coda anche le esperienze di Villar e Carles Perez, rispettivamente a un passo dalla Sampdoria e dal Celta Vigo. Nelle prossime settimane, invece, una delegazione della Roma andrà in visita a San Pietro per essere ricevuta dal Pontefice. Dirigenti e calciatori si presenteranno dal Papa con la coppa della Conference vinta a maggio.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source