Ronaldo, Mondiali? per Portogallo strada è difficile

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – SAN PAOLO, 14 GEN – “Ci attendono delle vere e proprie ‘battaglie’ e non sarà facile vincerle”. In un’intervista a Espn Brasil, Cristiano Ronaldo parla della sua nazionale, il Portogallo, e degli spareggi da cui uscirà una squadra qualificata per i Mondiali in Qatar. Sulla strada della Selecçao potrebbe esserci l’Italia fresca campione d’Europa, ma i portoghesi vogliono assolutamente partecipare al torneo iridato per la sesta volta consecutiva. Per riuscirci, dovranno battere la Turchia e poi la squadra che uscirà vincitrice dal confronto tra Italia e Macedonia del Nord. “Sarebbe una cosa troppo triste, e dura da accettare, se non riuscissimo a qualificarci per i Mondiali”, sottolinea il 5 volte Pallone d’Oro. Sarebbe anche la prima volta che CR7 salta un grande torneo internazionale, visto che da quando ha esordito in nazionale, nel 2003, il suo Portogallo si è sempre qualificato per Europei e Mondiali. E vincendo il torneo continentale nel 2016, titolo che l’estate scorsa è andato invece all’Italia: come dire che ai prossimi Mondiali una delle due ultime nazionali campioni d’Europa non ci sarà.    “E’ la vita – il commento -, perché non ci sono mai gli scenari perfetti, e noi dobbiamo affrontare certe sfide nel modo in cui ci si presentano”. “Nel calcio, come nella vita – le parole di Ronaldo – attraversiamo tutti dei momento difficili, ma ciò che conta è avere la capacità di superarli. E noi sappiamo che avremo dei confronti molto difficili, il primo dei quali contro la Turchia. Se vinceremo, credo che poi troveremo l’Italia Vedremo, ma so che a marzo ci faremo trovare ben preparati: sarà una battaglia, e una grande sfida da gustare per i tifosi”.    Infine una battuta sul suo momento al Manchester United, dove è tornato dopo gli anni in Italia nella Juventus. “Spero che il Manchester United possa raggiungere il livello che i tifosi si aspettano – dice Ronaldo -; perché se lo meritano. Io sono qui per provare a vincere, non voglio arrivare sesto o settimo”.    (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source