Rosberg: “Lauda non era contento quando battevo Hamilton”

Formula 1 Sport

Nei lunghi anni di dominio che la Mercedes ha imposto sulla Formula 1 a partire dal 2014, con l’avvento dell’era turbo ibrida, solo in due occasioni il titolo è stato assegnato all’ultima gara. Proprio nel 2014 e poi nel 2016, con gli stessi protagonisti a sfidarsi, i due piloti delle frecce d’argento: Lewis Hamilton e Nico Rosberg. La rivalità tra i due ha infiammato il Circus, facendo salire la temperatura anche nello stesso box della Mercedes e dividendo l’intera F1 in due fazioni, pro Lewis o pro Nico. Intervistato dalla tv italiana Sky Sport F1 però, Rosberg ha raccontato di come alcune divisioni ci fossero anche all’interno del team, facendo ad esempio riferimento alla figura di Niki Lauda.

Rosberg: “Tra me e Hamilton il casino è passato”

“A prendere Hamilton è stato Niki Lauda, che ha fatto uno sforzo enorme con lui. Non lo mollava, gli diceva ‘dai, lo sai cosa arriva? Abbiamo un motore incredibile per il 2014. Stiamo costruendo questa squadra’…è stato Lauda a convincere Lewis a venire” ha raccontato Rosberg, spiegando come tutto questo abbia però anche influenzato la sua esperienza con il team di Brackley. “Per me questa è stata una difficoltà – ha confessato il campione 2016 – perché Niki si è visto essere responsabile di Lewis e quindi dopo non era troppo contento se io battevo Lewis nei primi due anni, in cui eravamo sempre vicini. Questa era una difficoltà in più che avevo internamente con la squadra, specialmente nella relazione con Niki”.

Wolff su Lauda: “Ridevamo e piangevamo insieme”

Nonostante questo però, Rosberg ha spiegato di aver sempre nutrito un bel rapporto con il campione austriaco, scomparso lo scorso anno: “Niki è una grande persona, che ha aiutato un sacco anche me. Mi ha dato tanto appoggio. Lui tendenzialmente era abbastanza neutrale, però nei momenti decisivi a volte si sentiva questo ‘tocco’. Lui si sentiva responsabile anche per tutti i milioni che la squadra aveva pagato già dall’inizio a Lewis, in confronto al mio salario. Questo un po’ lo avvertivo. Ma lui è stato un grande. Lui e Toto erano una grande coppia. Lauda faceva il mediatore quando Toto rompeva le relazioni con qualcuno, ad esempio con Ecclestone” ha concluso Rosberg.



Go to Source

Commenti l'articolo