Russell: “Deluso dalla gara del Mugello”

Formula 1 Sport

È l’unica scuderia del Mondiale 2020 a non aver raccolto punti nelle prime nove gare. Eppure negli ultimi due appuntamenti la Williams ha accarezzato la top-10. A Monza e al Mugello, infatti, sono arrivati due 11esimi posti. Sul circuito toscano George Russell ha sfiorato la decima piazza, venendo preceduto da Sebastian Vettel per due secondi e mezzo. Certo, molti eventi fortunosi hanno favorito questo doppio piazzamento ai piedi della top-10. Tuttavia, questi risultati possono infondere fiducia soprattutto in un momento delicato come il passaggio di proprietà e l’addio della famiglia Williams al team. Ora arriva Sochi: Russell e Nicholas Latifi hanno ingoiato il boccone amaro e affronteranno il circuito russo con rinnovato entusiasmo.

Ufficiale: Williams, finisce un’era

George Russell: “È stato deludente perdere quei punti al Mugello, punti che sentivo assolutamente meritati. Tuttavia, ha dato a me e alla squadra una maggiore motivazione per scendere in pista ed estrarre ancora di più dalla macchina. Sochi è un circuito che sulla carta non ci si addice quanto il Mugello. Tuttavia, con l’assetto delle ultime settimane abbiamo imparato alcune cose che spero ci permettano di essere più competitivi contro i nostri avversari. Credo che tutti si saranno goduti un meritato weekend di riposo dopo 11 settimane intense e torneranno pronti a combattere in Russia“.

Nicholas Latifi: “Sono davvero entusiasta di andare a Sochi. È stato bello avere questa settimana e mezza di pausa dopo l’ultima tripletta. Era importante per analizzare tutto e vedere dove possiamo migliorare. Sochi è una pista in cui ho fatto abbastanza bene in passato in Formula 2. Ho sempre fatto delle gare buone, quindi cercherò di portare avanti questo periodo di forma. La pista stessa ti dà un’atmosfera da strada, che è unica in quanto non ci sono molti circuiti come questo in calendario. Non vedo l’ora che arrivi il Gran Premio di Russia, e spero che lì si possa ottenere un buon risultato“.



Go to Source

Commenti l'articolo