Russell, il talento che ha riportato la Williams in Q2

Formula 1 Sport

George Russell è un patrimonio della Formula 1 e se è vero che i campioni si vedono sul bagnato, l’impressione è che il britannico possa iscriversi presto alla categoria. Undicesimo tempo dopo la penalizzazione di Charles Leclerc, dunque il primo degli esclusi, a meno di un decimo da una clamorosa qualificazione in Q3. La Williams non passava il primo taglio del sabato dal Gran Premio del Brasile 2018, esattamente 610 giorni fa. Nettamente peggiore, ma più allineata al livello della FW43, la prestazione di Nicholas Latifi.

George Russell (11°, 1:18.636): “Il Q2 era il nostro obiettivo di questo fine settimana, ma se qualcuno mi avesse detto che saremmo arrivati a meno di un decimo dal Q3, non ci avrei creduto. È stato incredibilmente difficile qualificarsi in queste condizioni. In molti punti non riuscivo a vedere, ma ho dato tutto quello che avevo, e ha funzionato. La macchina andava bene e mi sono divertito molto. Sono davvero contento per tutti i ragazzi dei box che lavorano duramente settimana dopo settimana. Il risultato non rispecchia al 100% la nostra posizione in griglia, ma è una vera spinta per tutta la squadra. Nel complesso è stata una grande qualifica, sono davvero contento e vediamo cosa possiamo fare domani“.

Russell: “Via dalla Williams solo per la Mercedes”

Nicholas Latifi (18°, 1:21.759): “Giornata negativa. Il passo poteva permettermi di andare facilmente in Q2, e invece sono stato sfortunatissimo nel non riuscire a fare un giro veloce con il secondo treno di pneumatici. Colpa del traffico, delle bandiere gialle e infine ci si è messa anche la bandiera rossa. Delle volte va così: peccato perché il nostro potenziale ci permetteva di stare appena al di fuori della top ten“.



Go to Source

Commenti l'articolo