Sainz-Ferrari, una trattativa in quarantena

Formula 1 Sport

Carlos Sainz non si dimenticherà mai della prima metà del 2020 per diversi motivi. Da qualche giorno, infatti, il pilota spagnolo classe 1994 è certo che sarà un pilota della Ferrari nel prossimo biennio affiancando alla guida di una vettura della Scuderia di Maranello Charles Leclerc. L’ex Toro Rosso, Renault e McLaren – che guiderà ancora in questo 2020 – è stato il prescelto dal team principal Mattia Binotto per proseguire il ciclo inaugurato nel 2019 sotto la sua direzione tecnica e caratterizzato dall’esplosione di Charles Leclerc, subito velocissimo al volante della Ferrari.

Todt: “Leclerc e Sainz talentuosi, ma contano team e macchina”

La trattativa che ha portato lo spagnolo alla firma con Maranello è stata piuttosto sui generis alla luce delle difficoltà oggettive negli spostamenti scaturite dall’emergenza globale legata alla pandemia del Coronavirus. Carlos Sainz ne ha parlato in tv all’emittente iberica Vamos ospite della trasmissione Vamos Sobre Rueda: “Sono state settimane molto particolari, fare una trattativa senza mai vedersi è strano – le parole di Sainz – ero in casa con mio padre e in costante contatto con il mio agente e alla fine ce la siamo cavata abbastanza bene”.

Gené: “Sainz è stato veloce quanto Verstappen”

In Spagna la notizia dell’approdo di Sainz alla Ferrari ha scatenato il giubilo al pensiero di poter rivivere le emozioni in rosso firmate Fernando Alonso. Il figlio della leggenda della Dakar e dei Rally, però, vuole prima ringraziare in pista la McLaren, che non ha ostacolato la trattativa e che ha riempito di affetto il suo condottiero in un 2019 concluso al quarto posto in classifica Costruttori. “Se è arrivata l’offerta della Ferrari devo ringraziare la McLaren e tutta la squadra per ciò che hanno fatto per me, non vedo l’ora di vederli tutti di persona per ringraziarli – ha aggiunto Sainz – ho voglia di tornare a Woking e ricominciare a lavorare. Pensavo che dopo il mio annuncio qualcuno potesse rimanere deluso e invece ho ricevuto tanti messaggi di affetto e di stima e voglio ripagare tutto questo in pista. So che qui in Spagna già stanno pensando al 2021 per vedermi al volante della Ferrari a lottare per podi e vittorie, ma ora quello che voglio fare è mettere per un attimo la Ferrari nel cassetto e pensare solo alla McLaren”.

Fernando Alonso, una soluzione per salvare Renault

Daniel Ricciardo ha previsto diversi incidenti quando si tornerà a correre, Carlos Sainz non è d’accordo e aspetta di rivedere in pista Fernando Alonso per sfidarlo forte di una vettura al top come la Ferrari: “Siamo tutti piloti professionisti, non credo che ci saranno tanti incidenti. Alonso? Sarebbe fantastico poterlo affrontare da avversario. Dico sempre che la F1 è per i piloti migliori al mondo, e Fernando è uno di questi”.

Go to Source

Commenti l'articolo