Serie A: Cremonese-Udinese, Spezia-Fiorentina

Pubblicità
Pubblicità

Per la 12/a giornata del campionato di Serie A si giocano domenica alle ore 15Cremonese-Udinese LA DIRETTASpezia-Fiorentina LA DIRETTALa vigilia.’Ho fiducia nella squadra, ho fiducia in questi giocatori e contro l’Udinese non penso che cambierò molto’. Mister Massimiliano Alvini è sempre alla ricerca della prima vittoria in campionato con la sua Cremonese e domani allo Zini arriverà l’Udinese. ‘E’ una squadra forte, che rispettiamo ma che proveremo a battere. Contro la Sampdoria abbiamo fatto una buona gara, purtroppo alla fine un episodio modifica la percezione. Abbiamo perso ma tenuto il pallino del gioco per quasi tutta la partita. E proprio per questo non rimprovero nulla ai miei giocatori e sono convinto che faranno una grande partita cercando di portare a casa un successo che ci meritiamo per quanto costruito fino a questo momento’.”I ragazzi stanno benissimo: è stata una settimana all’insegna del duro lavoro, come le precedenti. Siamo tutti concentrati nell’affrontare ogni giorno gli allenamenti. Siamo sereni, lucidi, consapevoli di quello che dovremo fare contro la Cremonese. Vogliamo metterli in difficoltà, sapendo che non sarà una partita facile”. E’ quanto affermato da Andrea Sottil, alle telecamere di Udinese Tv, alla vigilia della trasferta a casa del fanalino di coda della Serie A. Sulla panchina della Cremonese siederà Massimiliano Alvini, “un allenatore ben organizzato – ha ricordato il tecnico dei friulani -, che dove è stato ha sempre dato un’identità. Anche quest’anno ha portato avanti le sue idee di gioco, poi questa è una categoria difficilissima e molto competitiva. La Cremonese poteva avere dei punti in più. È una squadra in salute, fisica, e noi non dobbiamo sottovalutarli: abbiamo sempre rispetto per l’avversario, non ci interessa la classifica”. “Loro hanno cambiato sistema di gioco in queste ultime partite – ha rilevato Sottil -. Sono sempre stati aggressivi, ma una volta in campo vedremo come avranno deciso di contrapporsi. Per prima cosa penseremo a noi e alla nostra organizzazione e domani mi aspetto una grande prestazione di calma e determinazione, con quella lucidità che ti porta a fare sempre la cosa giusta per 100 minuti. Non dobbiamo porci obiettivi a lungo termine che la mente non riconosce o avere l’assillo del futuro”. Più di 2000 tifosi friulani andranno in trasferta a Cremona: “Sono spettacolari – ha concluso l’allenatore bianconero -. È un grande segno non solo di attaccamento, ma anche di maturità nel capire che è una partita molto importante. È una cosa bellissima che apprezzo tantissimo. I tifosi friulani sono molto attaccati e avremo un ulteriore motivo per fare una buona prestazione e andare alla ricerca di un risultato prestigioso”.============================”In campionato dobbiamo recuperare, domani contro lo Spezia abbiamo la possibilità di risalire in classifica. Questa di ora non ci rispecchia, manca qualche punto che dobbiamo riprendere. Abbiamo tre match di campionato in cui dobbiamo approcciare per vincerle tutte, abbiamo alti e bassi che dobbiamo eliminare. Bisogna essere più continui, con prestazioni sempre di qualità e cercare di fare il massimo”. Così l’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano alla vigilia della sfida contro lo Spezia (una sfida anche al passato per lo stesso tecnico che in passato ha guidato proprio la squadra ligure) dove i viola sono chiamati a migliorare la propria classifica dopo che in settimana è stata raggiunta anche la qualificazione ai sedicesimi di finale della Conference League: “Siamo riusciti a vincere la partita contro il Basaksehir e a garantirci il superamento del turno in Conference League. C’è ancora una gara in cui può accadere di tutto, con una squadra che all’andata ci ha messo in difficoltà – ha sottolineato l’allenatore viola -. Dobbiamo crescere a livello difensivo per quanto riguarda l’attenzione, dobbiamo elevare la qualità e trovare equilibrio, prendiamo gol ingenui”. Per la sfida contro lo Spezia Vincenzo Italiano ha convocato 24 giocatori: Amrabat, Barak, Bianco, Biraghi, Bonaventura, Cerofolini, Dodo’, Igor, Duncan, Gollini, Ikoné, Jovic, Kouamé, Maleh, Mandragora, Martinez Quarta, Cabral, Milenkovic, Ranieri, Saponara, Terracciano, Terzic, Venuti, Zurkowski. Non convocati, perché indisponibili per infortuni, Nico Gonzalez, Sottil e Castrovilli.L’andamento casalingo tiene in piedi la classifica dello Spezia, al momento al di sopra della zona retrocessione ma reduce da un solo punto in quattro partite. Ma i 9 ottenuti sono arrivati tutti in gare casalinghe La sconfitta contro la Salernitana, al termine di una partita condotta per lunghi tratti, ha lasciato l’amaro in bocca. “Siamo andati sotto nel nostro momento migliore, e poi non siamo stati in grado di cambiare l’inerzia”, ha detto il tecnico Luca Gotti alla vigilia della sfida alla Fiorentina al Picco. “Anche in casa siamo andati in svantaggio spesso, eppure non abbiamo mai perso. Evidente che l’energia del nostro stadio e della nostra gente ha un impatto forte su una squadra giovane come la nostra”. Il calendario mette di fronte la Fiorentina di Vincenzo Italiano, l’avversaria di maggior valore tecnico tra quelle passate dal Picco fino ad oggi. “Ci saranno momenti in cui sicuramente faremo una partita più attendista, perché loro fanno del possesso palla e del dominio la loro caratteristica principale”. Il capitano Gyasi è finito al centro delle critiche per le ultime prestazioni. Gotti però non vi rinuncerà. “Ha fatto il centrocampista e la seconda punta e una via di mezzo tra questi. All’inizio del campionato mi ero detto che forse da esterno non si esprimeva al 100%. All’inizio non stava bene, è migliorato fisicamente dopo la Sampdoria, ma ha sempre avuto continuità dentro al campo. A me piace sempre di più. Possiamo dire che non ha fatto gol, ma in generale sono contento di come si allena, farà parte della partita”. Confermata anche la coppia di centrocampo Ekdal-Bourabia. “Mi piace l’idea che giochino assieme. Entrambi non dispongono di grandissima intensità, ma aiutano la squadra ad avere più equilibrio. Quando li tolgo le cose cambiano in maniera repentina”. Per fare punti contro i toscani servirà una prova maiuscola, chiedono. “Non so se dovremmo fare la partita perfetta, ce lo dirà il campo. Di sicuro servirà una partita all’altezza. Le risposte le darà il campo”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source