Serie A: Lecce-Juventus

Pubblicità
Pubblicità

Serie A: in campo alle 18 Lecce-Juventus 0-0 LA DIRETTALa vigilia. Sulla Juventus piove sul bagnato. L’ultimo è l’infermeria sempre più piena. “Vlahovic non ha recuperato da un problema all’adduttore e Locatelli non sarà a disposizione per motivi personali” l’annuncio di Massimiliano Allegri alla vigilia della trasferta di Lecce. Senza recuperi, dunque, la lista degli indisponibili sale a 10: “Abbiamo comunque giocatori a sufficienza per poter disputare una gara importante – assicura il tecnico, tornato nel mirino della critica per l’eliminazione dalla Champions League già ai gironi – e al Via del Mare non sarà facile: i salentini sono una squadra ben organizzata e con tanta velocità nelle pedine offensive, ma noi siamo pronti per affrontare questa partita con 16 giocatori di movimento e tre portieri”. Intanto, squadra e club provano ad isolarsi da tutte le questioni extra-calcistiche: “Il presidente Agnelli ha rasserenato tutti, in società ci sono persone straordinarie – commenta Allegri – e adesso dobbiamo rispondere sul campo: quando qui ci sono momenti di difficoltà vengono elevati alla massima potenza, tutti lavoriamo per portare la Juve il più in alto possibile e serve un segnale importante, ma sono sicuro che lo daremo perché ho un gruppo dai grandi valori morali”. Fuori dalla Champions e con dieci punti di ritardo rispetto alla vetta in campionato, i bianconeri sono nuovamente nelle condizioni di non poter sbagliare: “Mercoledì è stata una batosta, dobbiamo tenerci dentro la rabbia per l’eliminazione non solo per la gara di domani ma in vista di tutta la stagione – spiega l’allenatore – e in questo momento parlare di scudetto serve a poco: d’altra parte siamo soltanto all’11esima giornata, davanti a noi stanno facendo cose straordinarie e il nostro obiettivo è rubacchiare punti a chi sta sopra”. Inevitabile, poi, un nuovo aggiornamento sui recuperi di Chiesa e Pogba: “Ve lo dico una volta per tutte, così ci mettiamo l’anima in pace – l’annuncio di Allegri – ed è impossibile vederli mercoledì, al 99% salteranno anche l’Inter ed è molto difficile per Verona e Lazio”. Di questo passo, si va al 2023, anche se la speranza è l’ultima a morire. Intanto, per domani a Lecce la coppia d’attacco obbligata è formata da Kean e Milik: “Il primo attacco la profondità e il polacco gioca più con la palla, ma servirà una partita di squadra” dice il tecnico. Per la regia si sfidano in volata Miretti e Fagioli, in difesa salgono le quotazioni di Rugani al fianco di Bonucci e Danilo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source