Sette foto significative del GP di Spagna

Formula 1 Sport

La foto copertina è dedicata alla Ferrari e alla sua crisi tecnica, che ha portato Charles Leclerc al ritiro. A Barcellona tutti i limiti della SF1000 si sono visti, ma più che i guai in gara a pesare è stata una qualifica poco incisiva. La Rossa esprime meglio i suoi pochi punti di forza in configurazione gara, e dunque sarà importante nei prossimi Gran Premi ritrovare il cosiddetto ‘giro secco’. Intanto i meccanici hanno il loro gran lavoro da fare, come sempre, per resistere a una stagione difficile.

La foto sopra è emblematica: qui ci sono tutte le vetture che per un motivo o per l’altro hanno delle chance assolutamente minime di vittoria. Tutto il centro gruppo e anche il suo fondo, con una Red Bull che evidentemente può funzionare al 100% solo nelle mani della stella Max Verstappen. Fuori dall’obiettivo, l’olandese e le due Mercedes. Tutti a guardare, da lontano.

Max Verstappen e Valtteri Bottas guardano il monitor dei tempi, con il finlandese che tiene le mani sui fianchi quasi come a esprimere rassegnazione. La curiosità per la classifica è l’unica cosa che rimane da osservare alla fine di una corsa senza storia in quel di Barcellona.

Lo sguardo di Sergio Perez, in avanti: il pilota messicano è stato positivo al Covid-19 ma si è negativizzato in fretta, pronto a prendere di nuovo in mano la sua Racing Point. Alla fine ha riconosciuto di non essere stato in forma al 100%, ma la sua tenacia è stata maggiore della fatica. Un bel ritorno.

L’ombra del caso Racing Point è ancora alta sul campionato: la squadra in rosa ha guadagnato diversi punti preziosi a Barcellona con il 4° posto di Stroll e il 5° di Perez, e ciò non farà che innervosire ancora di più le rivali – in termini legali – di Renault e Ferrari.

Lewis Hamilton ha indicato con il dito il logo di Black Lives Matter posto in cima al suo casco, alla fine della sua cavalcata vincente al Montmelò. Il numero uno in tutto: in gara, in classifica, nelle sue lotte. Un momento magico della sua carriera e della sua maturazione come uomo.



Go to Source

Commenti l'articolo