Sfonda il recinto e finisce in piscina con una Mitsubishi

Formula 1 Sport

Una Mitsubishi Lancer rossa ha sfondato un muretto, una staccionata, è piombata nel giardino di una casa e ha terminato la sua folle corsa con un rocambolesco tuffo nella piscina dell’abitazione. È accaduto nella centralissima South Center Street di Arlington, cittadina non lontano da Dallas, in Texas. Sul luogo è intervenuta la polizia locale, che ha dato notizia dell’accaduto attraverso un tweet corredato da tre fotografie che mostrano l’auto sul fondo della piscina, completamente sommersa. “Sì,  è appena successo – si legge sul profilo Twitter della Polizia di Arlington -. Un automobilista ubriaco ha perso il controllo dell’auto, è entrato in giardino ed caduto con la macchina in piscina. Nessuno si è fatto male. L’uomo è stato arrestato per guida in stato di ebrezza”.

Una F40 incidentata che reclama vendetta

Come si legge nella nota delle autorità, l’incidente non ha causato feriti. Per fortuna, nel momento in cui l’auto ha sfondato il muretto di pietra e la staccionata di legno e attraversato il prato, nessuno degli abitanti della casa era in giardino e nemmeno in piscina. Resta comunque un episodio grave, che fa capire quanto sia pericoloso per sé e per gli altri mettersi alla guida dopo aver esagerato con l’alcool. Non a caso, il tweet della polizia si conclude con l’hashtag #DontDrinkAndDrive. “Non guidare dopo aver bevuto”, un monito ai cittadini americani, che non sono nuovi a episodi del genere.
Nel luglio 2019, per esempio, un uomo è caduto in piscina con la sua Lamborghini Huracan Spyder durante un servizio fotografico. Solo qualche mese prima, una Toyota RAV4 ha fatto irruzione a tutta velocità in un cortile di una casa in Florida, sorvolando la superficie dell’acqua della piscina e abbattendo due recinzioni. Non è chiaro cosa accadrà adesso al conducente della Mitsubishi rossa. Tuttavia, se dovesse essere condannato, oltre a dover pagare una multa salatissima subirà la sospensione della patente.
Foto: Carscoops



Go to Source

Commenti l'articolo