Spagna: c’è l’accordo, le calciatrici rientrano in Nazionale

Pubblicità
Pubblicità

La maggior parte delle giocatrici della Nazionale di calcio della Spagna, in sciopero dopo il caso Rubiales, hanno accettato di rientrare nella selezione iberica per affrontare Svezia e Svizzera in Nations League, a seguito di un accordo con la federcalcio e il governo spagnoli.    “Abbiamo raggiunto una serie di accordi che saranno elaborati e firmati domani dalla Federazione e dal Consiglio superiore dello Sport”, ha dichiarato oggi alla stampa il segretario di Stato per lo Sport iberico Victor Francos, specificando che solo due delle 23 giocatrici convocate hanno espresso la volontà di andarsene.    “Delle 23 giocatrici convocate, due hanno chiesto la possibilità di lasciare il ritiro per motivi di disagio personale”, ha aggiunto Francos. Il rappresentante del governo non ha rivelato i nomi dei due giocatori coinvolti, ma ha sottolineato che non saranno soggetti a sanzioni, contrariamente a quanto precedentemente annunciato.    La nuova allenatrice della Spagna, Montse Tomé, aveva convocato per le partite contro Svezia e Svizzera una quindicina di campionesse del mondo e altre giocatrici che avevano chiesto di non essere convocate finché non ci sarebbero stati cambiamenti all’interno della federazione calcistica iberica, in seguito allo scandalo del bacio forzato dell’ex presidente Luis Rubiales alla calciatrice Jenni Hermoso durante i Mondiali in Australia.    “Le giocatrici ci hanno espresso la loro preoccupazione riguardo alla necessità di profondi cambiamenti all’interno della Rfef e la federazione ha promesso che questi cambiamenti avverranno immediatamente”, ha detto Francos. Secondo la stampa spagnola, uno di questi cambiamenti immediati potrebbero essere le dimissioni del segretario generale Andreu Camps. Francos ha affermato che l’accordo prevede di sviluppare la legge spagnola sulle “politiche di genere, progressi nella parità retributiva, nelle strutture per lo sport e in particolare per il calcio femminile”.   
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source