Spalletti ct: Malagò ‘Figc, soluzione molto brillante’

Pubblicità
Pubblicità

“Lo dico con franchezza, avendone parlato direttamente anche con lui, la tempistica della decisione di Mancini di lasciare la Nazionale doveva essere diversa. Posto questo, la soluzione trovata dalla federcalcio e dal suo presidente Gravina al problema, e in soli 5 giorni, è davvero brillante”. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, al telefono con l’ANSA promuove a pieni voti l’operato della Figc “in una situazione oggettivamente molto difficile. Il 13 di agosto è deflagrata quella che è una autentica bomba sportiva e Gravina ha saputo affrontare in maniera rapidissima una questione vitale per la federazione. Considerando il periodo e il fatto che, sportivamente parlando, la Nazionale di calcio è qualcosa di sacro per noi italiani, trovare una soluzione di così alta credibilità era molto difficile. Perché di allenatore ce ne sono tanti, magari capaci anche di grandi cose, ma prendere uno percepito da tutto gli steakholder come il più autorevole al momento è stata una eccellente operazione.    Insomma, la scelta di Spalletti è quanto di meglio si potesse fare. Poi, certo che è il campo che determina le valutazioni: per questo nel mio piccolo anche io sarò a Milano il 12 settembre a tifare per gli azzurri impegnati contro l’Ucraina.    Siamo in periodo di Mondiali di varie discipline in prospettiva olimpica, ma proprio questa mattina sono riuscito a modifare tutti i piani per essere presente al Meazza”. Malagò chiude con un cenno alla vicenda della clausola di non concorrenza tra Spalletti e il Napoli. “Non è un mistero che io sia amico di famiglia di De Laurentiis, ho provato a parlargli di questa situazione in una lunga e affettuosa telefonata. Lui mi ha detto che ci avrebbe pensato, vedo che i termini della questione non sono cambiati. D’altra parte ognuno ha il suo carattere, ed è innegabile che uno dei segreti dei successi di De Laurentiis sia la sua determinazione. Poi, chiaro che io auspichi una solizione senza strascichi e contenziosi: perchè una cosa è certa, il pianeta calcio in un contesto di difficoltà e debolezza più è unito e meglio è”.   
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *