Stewart: “Hamilton, un futuro nell’intrattenimento”

Formula 1 Sport

Sono passati ormai 47 anni da quando Jackie Stewart ha lasciato la Formula 1, almeno nelle vesti di pilota. La leggenda scozzese tuttavia è sempre rimasta una figura centrale nel paddock, passando dal ruolo di ambasciatore dello sport a quello di capo di una scuderia, fino ad essere un ammirato testimonial di diversi marchi prestigiosi. Oggi i piloti sono naturalmente ancora più esposti di quanto non avvenisse negli anni ’60 e ’70 e c’è già chi pianifica quello che potrebbe essere il proprio futuro lontano dalle corse. L’esempio migliore è sicuramente Lewis Hamilton, capace di conquistare sei titoli mondiali ma anche di iniziare a costruirsi una nuova carriera da imprenditore con interessi in tanti settori diversi.

Hamilton: “Più nervoso a una mia sfilata che a un GP”

Intervenuto al podcast In The Pink, proprio Stewart ha provato ad immaginare il futuro ‘post-Circus’ del campione inglese: “Lewis farà qualcosa nel mondo della musica, della moda o dell’industria dell’intrattenimento, e avrà successo – ha sentenziato Sir Jackie – finora è stato un vincente e non vorrà perdere nemmeno quando non sarà più in F1. Lavorerà sodo e sarà migliore degli altri nell’ambiente in cui deciderà di cimentarsi”. Proprio a proposito del suo impegno nella moda, lo stesso Hamilton recentemente aveva dichiarato di sentirsi più nervoso per un progetto da portare in passerella con per un Gran Premio.

Ecclestone: “Ho parlato con Vettel, gli consiglio un anno sabbatico”

Stewart però ha provato a sondare anche il futuro di un pilota decisamente più privato di Hamilton, come il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel: “I piloti hanno ottime possibilità di fare grandi affari una volta conclusa la carriera nei GP. Penso che Vettel e Hamilton possano avere molto successo. [Lui] Utilizza parole molto chiare, parla diverse lingue ed è un giovane davvero affascinante – ha detto Stewart del tedesco, predicendo un futuro in tv o da dirigente d’impresa – non credo che avrebbe paura di affrontare una telecamera” ha concluso l’ex pilota di Tyrrell e Matra.



Go to Source

Commenti l'articolo