Tesla Model S, parola d’ordine affidabilità

Formula 1 Sport

Zero emissioni e costi di manutenzione inferiori. Sono due delle ragioni principali che portano gli automobilisti a preferire un’auto elettrica piuttosto che una tradizionale, pur considerando che il costo di acquisto di un nuovo modello a batteria è ben superiore di quello di uno con motore termico. Viene quindi naturale chiedersi: conviene realmente acquistare un’auto elettrica in termini strettamente economici? Detto in parole povere, a quanto ammonta il risparmio?

Tesla, sfida in famiglia per chi è la più veloce

Steve Sasman, da molti definito uno sperimentatore visto che condivide online le proprie esperienze e recensioni guidando le auto Tesla che possiede, ha provato a dare una risposta a questa domanda mettendosi alla guida di una Model S. La vettura fu acquistata da Sasman sei anni fa per poco meno di 80.000 dollari, con all’attivo 56.000 chilometri. Nel giro di cinque anni, ovvero il tempo per il quale l’uomo ha posseduto l’auto prima di venderla ad agosto 2019, il numero dei chilometri percorsi dalla vettura ha superato quota 344.000, un numero che non sorprende visto l’utilizzo che è stato fatto di questa Model S (è stato completato anche un viaggio in 48 stati degli Stati Uniti e in Canada con questo esemplare). La sua attenzione però si è concentrata sui costi per gli interventi di manutenzione che è stato costretto a richiedere durante questo lasso di tempo.

Tesla, quando i comandi touchscreen diventano pericolosi

L’affidabilità è stato infatti uno dei punti interrogativi più evidenziati nei primi anni di vita del marchio Tesla. Nonostante il grande successo sul mercato la casa automobilistica di Palo Alto è stato anche un giovane marchio di cui si conosceva poco, un po’ come la storia che riguarda tutte le case. Ma torniamo a Sasman e alla sua Model S. Nel corso del lustro in cui ha posseduto il proprio esemplare, l’uomo non ha dovuto sborsare troppo denaro per gli interventi di manutenzione della propria auto: circa 10.000 dollari in tutto, di cui oltre 2.200 per un nuovo display di infotainment e 790 per un nuovo sportellino di ricarica. Tra gli altri elementi che sono stati sostituiti nell’arco del tempo troviamo due set di pneumatici, una maniglia di una portiera e la batteria da 12 volt. Per un’auto che conta sul groppone oltre 300.000 chilometri, poco più di 10.000 dollari di costi manutenzione sono un dato estremamente rilevante.



Go to Source

Commenti l'articolo