Torino

Pubblicità
Pubblicità

Ivan Juric, il nuovo totem granata, è stato chiaro: non puo’ essere solo colpa degli allenatori se per due anni una squadra rischia la retrocessione. Il Toro riparte dal suo carisma e deve decidere il futuro di Belotti, che pare ancora incerto non avendo ricevuto offerte importanti. Quella che gli ha fatto Cairo, di 3,5 mln, per ora non e’ stata accettata. E’ andato via Sirigu e in porta e’ stato promosso il colosso Milinkovic-Savic che da’ garanzie. In difesa via Nkoulou e probabilmente Lyanco, possono arrivare Pezzella e Walukiewicz se andra’ in porto lo scambio col Cagliari con Baselli vice-Rog. Gli altri punti fermi sono Izzo e Bremer tra i centrali, Singu e Ansaldi fra gli esterni , Mandragora guidera’ il centrocampo che potrebbe essere rafforzato da Amrabat. Per aumentare la qualita’ in rifinitura e’ arrivato Pjaca dalla Juve, che sara’ a disposizione con Lukic e LinettY, mentre come seconda punta Juric punta molto su Sanabria. Partira’ Zaza, vengono seguiti Kouame e Orsolini, ma il principale nodo da sciogliere riguarda Belotti. Juric vuole evitare una partenza falsa.
Formazione (3-4-2-1): Milinkovic-Savic, Izzo, Bremer, Buongiorno, Singo, Mandragora, Lukic, Ansaldi, Sanabria, PJACA, Belotti. Allenatore: JURIC.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source