Trasporti locali, 4.000 corse giornaliere in più su metro e bus

Formula 1 Sport

La diffusione del Coronavirus ha messo a dura prova il settore dei trasporti pubblici locali. La capienza ridotta dei mezzi ha portato non pochi disagi e le associazioni competenti in materia alzano la voce. E la soluzione che arriva è ben precisa: quattromila corse giornaliere in più su metro e autobus per garantire il massimo rispetto delle misure di sicurezza nelle ore di punta, le più critiche, soprattutto sulle direttrici dove si concentrano l’entrata e l’uscita da scuola.

Trasporti, esclusa la riduzione della capienza

A riportarlo è l’edizione odierna del Corriere della Sera, che sottolinea inoltre come Arrigo Giana, Giuseppe Vinella e Andrea Gibelli, i presidenti rispettivamente delle associazioni di Agens, Anav e Asstra, abbiano evidenziato i meriti delle aziende impegnate in questo settore molto delicato: “In tutte le fasi dell’emergenza le aziende di trasporto pubblico locale hanno implementato in ogni fase tutti i protocolli indicati dalle autorità sanitarie continuando a garantire in ogni condizione un servizio essenziale alle comunità. L’esercizio del trasporto pubblico è avvenuto per la totalità dei casi nel rispetto delle norme e delle prescrizioni date, in particolare per quanto riguarda il limite della capacità dei mezzi all’80%”. Aspetti positivi dunque, ma non manca un monito sulle quattromila corse in più: “Potrebbero non bastare se ci fosse un ulteriore taglio alla capienza dei bus. Si rischierebbe di non poter soddisfare da oltre 91 mila (ipotesi capienza massima al 75%) a circa 550 mila spostamenti ogni giorno (scenario al 50%)”.



Go to Source

Commenti l'articolo