Vettel: “Il doppiaggio ci ha aiutati”

Formula 1 Sport

Le solite sofferenze, con una macchina non competitiva, e la costante sensazione di dover fare sempre qualcosa di diverso per emergere dalle sabbie mobili. Sebastian Vettel ha chiuso al settimo posto una gara condotta in totale difesa: la misura delle difficoltà del Cavallino è che la P7 al momento è relativamente un successo. Perché Vettel, nel Gran Premio di Spagna, davvero non poteva fare di più. Una sola sosta per il tedesco, con le medie cambiate dopo 29 giri per montare le soft. Mossa che lasciava presupporre una strategia a due pit-stop, ma le dinamiche della gara hanno portato la Ferrari a optare per la sosta singola. Una scelta arrivata anche dopo un momento di confronto acceso via radio: Vettel ai 2/3 di gara stava spingendo con le soft consapevole che poi avrebbe dovuto cambiarle, quando dal muretto gli hanno chiesto di portare le gomme al traguardo.

Ben 39 le tornate con la mescola morbida, una dimostrazione di gestione della gomma da manuale. Vettel, dopo la gara, ha “ringraziato” anche il doppiaggio, che ha aiutato ad accorciare la gara e a salvaguardare una mescola arrivata praticamente sfinita alla bandiera a scacchi: “Realisticamente la nostra posizione era la decima. Abbiamo avuto fortuna che ci sia andata bene correndo questo rischio. I punti alla fine sono buoni, ma oggi essere doppiati ci ha aiutati, la gara così è stata più corta e questo ci ha aiutato a portare le gomme alla fine“, ha detto a Sky Sport F1. “Troppi equivoci via radio? No, è positivo parlare. Ovviamente ci sono stati tre o quattro giri in cui non era necessario spingere così forte. Ma siamo riusciti a gestire alla fine e non credo che abbia fatto questa differenza“.

“Credo che le abbiamo provate tutte. In quella fase di gara ho pensato che potessimo correre quel rischio perché non avevamo nulla da perdere. Stavamo lavorando sull’idea di avere una gomma più fresca verso la fine ma poi ho deciso di gestire le gomme chiudendo il gap con chi mi stava davanti verso fine stint. Ho chiesto al team cosa volessimo fare perché io pensavo già che potessimo stare fuori e andare fino alla fine. Ma il messaggio è stato ‘Spingi, spingi forte’, cosa che ho fatto per tre quattro giri. E poi mi è stato detto di nuovo di fare il contrario. Quello è stato un po’ un momento strano, alla radio. Ma poi ci abbiamo provato, ha funzionato e dato dei frutti“, ha concluso Vettel.



Go to Source

Commenti l'articolo