Vettel: “La macchina è questa, il mio parere non conta”

Formula 1 Sport

Trentanove giri con la gomma morbida, corrispondente alla mescola C3. Di questi tempi, con gare di Formula 1 segnate da delaminazioni e problemi di gestione dei pneumatici, è un dato impressionante. Sebastian Vettel grazie a una gestione magistrale della soft nella seconda parte del Gran Premio della Spagna ha cambiato volto alla sua gara. Da un piazzamento lontano dalla zona-punti, infatti, la sosta unica gli ha permesso di arrivare settimo al traguardo. Il massimo che si potesse ottenere. Ma quella guidata dal tedesco è una Ferrari, e il nome stride con la settima posizione. Dunque, la prestazione di Vettel non può nascondere i limiti di una vettura nata male e non competitiva, con cui anche Charles Leclerc ha dovuto faticare prima di ritirarsi.

Vettel: “Il doppiaggio ci ha aiutati”

Queste alcune delle parole del quattro volte campione del mondo subito dopo la gara: “A cosa pensare? Il mio parere non è più così importante, credo. Guardando a questa stagione è difficile, la macchina è quella che è. Tutti stiamo provando a fare il nostro meglio per tenere duro. Bisogna essere giusti con tutto il team. È un anno difficile per tutti ma stiamo comunque provando a dare il meglio che possiamo“, ha detto il tedesco a Sky Sport F1. “Non è giusto limitarsi a dire che sia un anno negativo, lo sappiamo tutti all’interno del team. Però lo si dice lo stesso e non possiamo farci molto. Dobbiamo fare il nostro lavoro cercando di tenere duro. Le ultime settimane sono state toste per me ma l’importante è rialzarsi e fare il proprio meglio. Dobbiamo svolgere ancora tanto lavoro per migliorare, anche da parte mia. Abbiamo troppi alti e bassi. Ci sono alcune sessioni che non capisco e dobbiamo esaminarle bene“, ha concluso.



Go to Source

Commenti l'articolo