Volkswagen continua il suo impegno per il Sudafrica

Formula 1 Sport

Volkswagen continua il suo impegno in prima persona nella lotta contro la diffusione del Coronavirus. Nonostante la situazione in Italia sia nettamente migliorata, infatti, in molte zone del mondo il livello di allerta resta estremamente alto, visto che l’emergenza sanitaria prima ancora di quella economica è tutt’altro che alle spalle. Una di queste aree è il Sudafrica, Paese per il quale la casa automobilistica tedesca è sin dai primi giorni corsa in soccorso, cosa che continua a fare anche a distanza di mesi.

Volkswagen sbarca in Ghana: si parte con 5.000 auto all’anno

Volkswagen ha deciso infatti di donare una serie di attrezzature sanitarie agli operatori sanitari che lavorano nelle strutture di Nelson Mandela Bay. Nello specifico, la fornitura consiste in 50.000 mascherine di tipo N95, 65.000 camici usa e getta, 2 milioni di guanti monouso, 1.000 visiere protettive, 200 termometri digitali a infrarossi e 190 dispositivi per il monitoraggio del contenuto di ossigeno nel sangue dei pazienti affetti da Coronavirus. Il tutto è stato finanziato dal Ministero federale tedesco per la cooperazione e lo sviluppo economico, lo stesso che autorizzò e sostenne la trasformazione dello stabilimento di Port Elizabeth in un ospedale per pazienti affetti da Covid da curare a partire dallo scorso 23 giugno. Un progetto che, nel giro di pochi mesi, ha permesso a tantissime persone di guarire dalla malattia.

Volkswagen, l’impianto sudafricano diventa un ospedale

Ma non è tutto. In collaborazione con NHLS, o National Health Laboratory Service, la casa automobilistica tedesca ha contribuito all’istituzione di un vero e proprio laboratorio di virologia molecolare realizzato nell’arco di 18 giorni. E’ stata la stessa Volkswagen, dopo una serie di attente analisi, a raccomandare alcuni miglioramenti e ad ottimizzare quindi i processi per aumentare le capacità dei test. Grazie al contributo del marchio tedesco, ora in quella sede è possibile effettuare fino a 3.000 test al giorno, una cifra praticamente raddoppiata rispetto a quella precedente.



Go to Source

Commenti l'articolo