Williams: Dorilton Capital non ha la bacchetta magica

Formula 1 Sport

Prima dell’incidente di Lance Stroll la classifica costruttori stava per cambiare radicalmente per quanto riguarda la lotta in fondo alla graduatoria riservata ai team. George Russell aveva ormai garantita la nona posizione al traguardo, un risultato che avrebbe permesso alla Williams di scavalcare la Haas ed affiancare l’Alfa Romeo Racing. La seconda ripartenza, però, ha affossato le speranze di George Russell, costretto ad accontentarsi dell’undicesima posizione. Una piccola consolazione per il pilota in orbita Mercedes sono state le belle parole di Sebastian Vettel, che ha concesso al classe 1998 l’onore delle armi avendolo visto negli specchietti lottare con tutte le sue forze contro una vettura ancora carente in termini di prestazioni come la Williams.

Russell, beffa atroce sul finale

Il weekend del Mugello è stato anche il primo in carica per Dorilton Capital e Simon Roberts nel ruolo di team principal. La nuova proprietà, che ha rilevato la scuderia di Grove dalla famiglia fondatrice guidata da Sir Frank, ha dichiarato di avere intenzione di riportare la Williams dove le compete secondo una tradizione più che vincente in F1. Questo processo, però, non sarà breve, come ha sottolineato Simon Roberts intervistato da motorsportweek.com.

Williams, ufficiale: Simon Roberts nuovo team principal

“Nelle ultime due settimane ho potuto trascorrere diverso tempo insieme ai nuovi proprietari in fabbrica – ha spiegato Simon Roberts – per ora stanno supervisionando il lavoro del team per poter poi plasmare gli interventi e le decisioni in maniera ponderata. Sono consapevoli che non esiste la bacchetta magica e che il processo per riportare la Williams più in alto in classifica richiederà tempo, non sono risultati che si possono ottenere a breve termine. Di sicuro, per non rendere ancora più lungo questo processo di risalita sarà fondamentale non sbagliare alcuna mossa. Per questo Dorilton Capital si prenderà il tempo necessario per riflettere e per analizzare la situazione prima di effettuare le prime mosse che arriveranno quando ci sarà la certezza che sono dei passi verso la giusta direzione”.



Go to Source

Commenti l'articolo