172913320 fda582f6 d98e 43c2 a8af a442ea06719d

Molestie sessuali, il governatore di New York Andrew Cuomo sotto accusa. Il procuratore: “Trovate prove”

Andrew Cuomo è accusato di aver molestato sessualmente diverse donne. Il governatore di New York è stato interrogato per oltre undici ore nell’ambito di un’indagine portata avanti dal procuratore generale dello stato Letitia James. L’interrogatorio sotto giuramento è avvenuto nel suo ufficio di Manhattan il 17 luglio. La procuratrice, nel corso di una conferenza stampa, ha dichiarato che “sono state trovate prove” e ha sottolineato come tra le donne molestate ci sono un’attuale dipendente ed leggi di più…

164949366 4942bce2 1d5e 4ef0 98b1 15406c9c8881

Nuoto, l’accusa di Murphy: “La gara a cui ho partecipato probabilmente non è pulita”

TOKYO – Prima la medaglia d’argento, poi le acuse. Ryan Murphy, nuotatore americano, argento nei 200 dorso, attacca gli atleti russi presenti alle Olimpiadi, colpevoli di non giocare lealmente. Il tema del doping fa, quindi, irruzione prepotentemente nella competizione a cinque cerchi: “Ho almeno quindici pensieri in testa, tredici dei quali mi possono mettere nei guai. Cerco di non farmi coinvolgere troppo, ma è veramente faticoso per me andare avanti tutto l’anno sapendo che la mia gara prleggi di più…

085625680 16580d0e e649 45f9 8346 d13b121d2d0d

La dura accusa all’università italiana di tre neolaureate: “Sfruttamento, disuguaglianza, logica del profitto”

“Proprio perché la scuola ha significato così tanto per noi, vorremmo oggi provare a spiegare come mai quando guardiamo noi stessi o quando ci guardiamo intorno, ci è difficile guardare questo momento di celebrazione senza condividere con voi alcune preoccupazioni”. Inizia così il discorso tenuto da Virginia Magnaghi, Valeria Spacciante e Virginia Grossi, neo diplomate alla Scuola Normale Superiore di Pisa.Le tre dottoresse hanno apertamente criticato il sistema accademico italiano  per l’ileggi di più…

144116556 c2d93252 2135 4dc4 887e ba4c796054b5

“Insieme ci prendiamo cura di Milano”. La candidata dem di Treviglio accusa Bernardo: “Slogan copiato dal nostro”

Fa discutere lo slogan scelto Luca Bernardo per la sua campagna elettorale come candidato sindaco di Milano del centrodestra. Sotto il logo con l’immagine stilizzata del Duomo multicolore campeggia la scritta “Insieme ci prendiamo cura di Milano”. Molto simile a quello già presentato a Treviglio da Matilde Tura, che recita: “Prendiamoci cura di Treviglio”. [embedded content] Scelto a giugno dalla candidata sindaco del centrosinistra, che è scesa in campo nel comune della Bergamasca, che è leggi di più…

091639789 72cd138d 4ef3 44aa 8f01 4ba90c0ccb31 1

Caso Eni, ex-pm Davigo indagato a Brescia. L’accusa è rivelazione del segreto d’ufficio

L’ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, ex pm del pool Mani Pulite è indagato a Brescia per rivelazione del segreto d’ufficio. Secondo quanto anticiato da Il Corriere della Sera, a Davigo nell’aprile 2020 il pm Storari consegnò  verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso su un’asserita associazione segreta, denominata Ungheria e condizionante toghe e alti burocrati dello Stato: controverse dichiarazioni che per Storari leggi di più…

111339218 269f4bc5 0008 44d2 9061 3b5b2e7eba14 5

Cuneo, assolta la madre di Renzi dall’accusa di concorso in bancarotta fraudolenta. Il leader di Iv: “Mamma, scusa se subisci tutto ciò per colpa mia”

E’ stata assolta dall’accusa di concorso in bancarotta fraudolenta documentale Laura Bovoli: per il tribunale di Cuneo la madre di Renzi non può dunque essere ritenuta responsabile per il crack della Direkta,  società che distribuiva porta a porta volantini pubblicitari per la grande distribuzione che era fallita nel 2012. Laura Bovoli era la titolare della Eventi6, una società di Rignano sull’Arno che commissionava a Direkta lavori per le consegne dei volantini. Secondo l’accusa del pm leggi di più…

105050260 8779d67a 95b8 42ee 8f30 8ffd8f385266

Svizzera, testa all’Italia. E Petkovic finisce sotto accusa

BAKU – Destinazione Italia, all’indomani del deludente pareggio nel debutto di Baku con il Galles. La Svizzera ha detto arrivederci all’Azerbaigian poco dopo l’alba e si è imbarcata sul suo lungo volo per Roma, portandosi dietro anche i tanti dubbi per gli errori commessi nella prima esibizione agli Europei. Alla vigilia gli elvetici avevano detto di sentirsi pronti per riscrivere la storia, ma sul campo non sono stati capaci di passare dalle parole ai fatti. Sotto accusa è finito pure Vlado Pleggi di più…

150340525 5e7d202f 8519 4d27 8a00 380a72cd14b3

Regionali in Calabria, caos nel Pd dopo la rinuncia di Nicola Irto. Che accusa: “Si lascia terreno alla destra e a De Magistris. Letta trovi una soluzione”

 “Per mesi ho lavorato al mio programma di governo per cambiare la Calabria, coinvolgendo giovani, società civile, imprenditori, mondo universitario. Adesso, però, ho dovuto prendere atto che non ci sono le condizioni per andare avanti e l’ho scritto ad Enrico Letta”. Lo afferma il consigliere regionale del Pd, Nicola Irto, in un’intervista a L’Espresso nella quale annuncia il ritiro della sua candidatura alla presidenza della Regione Calabria.
Nel partito in tanti gli chiedono di ripensarci.leggi di più…

051849604 6130eba2 8da9 4397 9426 b6c4d57c0c25

Nike, rottura con Neymar dopo l’accusa di abusi sessuali su una dipendente

Nike ruppe la sua partnership con Neymar perché la star brasiliana del Paris Saint Germain si sarebbe rifiutata di collaborare a un’indagine interna del marchio, dopo che una dipendente lo ha accusato di averla aggredita sessualmente. Lo rende noto la stessa multinazionale Usa.
“Nike ha concluso la sua partnership con l’atleta perché si è rifiutato di collaborare a un’indagine su accuse credibili di illeciti commessi contro una dipendente”, ha detto Nike in comunicato diffuso oggi e specificleggi di più…

091901196 d9e264bc b85e 4558 9a59 2f90a3039c14

La strage di Capaci 29 anni dopo, l’accusa di Manfredi Borsellino: “Istituzioni non salvarono mio padre”. Mattarella a Palermo

Prima ancora che inizino le manifestazioni ufficiali per ricordare le vittime della strage di Capaci, è Manfredi Borsellino, il figlio del giudice Paolo, anche lui ucciso nel 1992, a esprimere tutto il dolore per una ferita che resta aperta. “Le istituzioni non fecero tutto quello che c’era da fare per salvare uno dei suoi figli migliori”, dice in diretta a Uno Mattina. E’ la prima volta che Manfredi parla in Tv di suo padre e di quei giorni. Indossa la divisa di commissario di polizia,leggi di più…