071602858 a5efa248 2c35 4e0d a8fb 79c21008c5f3

Novantenne ucciso, preso l’assassino: il giallo di Torino risolto in poche ore

E’ durata poche ore la fuga dell’assassino di Vincenzo  Rossi, 91 anni, ucciso ieri pomeriggio a coltellate nel suo appartamento di via Tripoli, nel quartiere di Santa Rita, a Torino. I carabinieri del nucleo investigativo lo hanno fermato nella notte alla stazione di Porta Nuova.
Rossi lo aveva conosciuto qualche tempo fa, proprio vicino alla stazione dove l’uomo,  50 anni, di origine catanese e con diversi precedenti penali è stato fermato nella notte.  E’ uno degli uomini che l’leggi di più…

102200894 6d8ef08e f4f9 40da 974e 58c274653cdf

Siracusa, un arresto nella notte per l’assassino dei due badanti

Arrestato nella notte a Pachino Giampiero Riccioli, l’unico indagato per il duplice omicidio di Alessandro Sabatino e Luigi Cerreto, i due ragazzi campani che facevano da badanti al padre del ristoratore siracusano spariti nel nulla il 12 maggio del 2014. La posizione di Riccioli si è aggravata dopo il ritrovamento ieri sera di resti umani nel giardino della sua villa in contrada Tivoli, a dieci chilometri da Siracusa. Resti umani in una villa di Siracusa, forse a una svolta il mistero dei dleggi di più…

181010832 f9162c3b cb97 4028 ad74 0b6aa15cd217

Il delitto di Roberta, l’ultimo indizio: la cameretta dell’assassino in perfetto ordine

Quando i carabinieri sono arrivati a casa di Pietro Morreale, domenica mattina, hanno subito trovato qualcosa di strano. La sua stanza era in perfetto ordine. «Nessun oggetto fuori posto, il letto rifatto, non c’erano abiti o altro — scrive il gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo — la scrivania sembrava non essere mai stata utilizzata». Immagini significative, sottolinea il giudice: «Sono la rappresentazione plastica della precisa volontà di inquinamento delle prove». Tutto quellleggi di più…

Ventimiglia il figlio del boss Sono io lassassino. E a ponente si teme una guerra di ndrangheta

Ventimiglia, il figlio del boss: “Sono io l’assassino”. E a ponente si teme una guerra di ‘ndrangheta

Per gli inquirenti dell’antimafia di Genova è il triste, seppur prevedibile, rafforzamento di un sospetto: ovvero di una riassegnazione di ruoli all’interno delle famiglie della ‘ndrangheta del ponente sgominate dall’inchiesta “La svolta”. Ma è anche il timore di essere all’inizio di una nuova faida  interna alle ‘ndrine.
Sono gli scenari che emergono dall’arresto per omicidio di Domenico Pellegrino, 23 anni, che ieri si è costituito ai carabinieri di Ventimiglia confessanleggi di più…

Anziano trattato da assassino per 4 anni ma ora... Sentenza choc ecco che roba e la magistratura italiana

Anziano trattato da assassino per 4 anni, ma ora… Sentenza-choc: ecco che roba è la magistratura italiana

Sullo stesso argomento: Brunella Bolloli 24 dicembre 2020 Dunque a Seriate da quattro anni c’è un assassino in libertà perché non è Antonio Tizzani ad avere ucciso la moglie. Lo hanno deciso i giudici della Corte d’Assise di Bergamo che ieri hanno assolto con formula piena l’ex ferroviere 73enne, unico imputato nel processo per l’omicidio di Gianna Del Gaudio. Le motivazioni della sentenza saranno rese note entro i prossimi 90 giorni, ma intanto Tizzani si gode il momento, ha già dettleggi di più…

Delitto Ansaldi un appuntamento con lassassino per il medico accoltellato a Milano investigatori vicini alla svolta

Delitto Ansaldi, un appuntamento con l’assassino per il medico accoltellato a Milano: investigatori vicini alla svolta

I tabulati e le celle telefoniche agganciate dai telefoni di vittima e killer, per avere un’idea chiara sul chi. E i messaggi sul computer e un altro paio di telefoni, sequestrati ieri mattina tra lo studio napoletano di piazza Cavour e l’abitazione della vittima, perquisiti dai carabinieri del Comando provinciale partenopeo, per avere un quadro solido anche sul perché. L’indagine sull’omicidio di Stefano Ansaldi, sgozzato sabato sera su un marciapiede coperto da impalcature in via Mauro Macchileggi di più…

Scarcerato lassassino di Aldo Naro. Il tribunale E cambiato vada ai servizi sociali

Scarcerato l’assassino di Aldo Naro. Il tribunale: “E’ cambiato, vada ai servizi sociali”

Ha già lasciato l’istituto Malaspina Andrea Balsano, condannato per l’omicidio del giovane medico Aldo Naro, avvenuto alla discoteca Goa nel febbraio 2015. L’ex buttafuori ha scontato cinque anni, per gli altri tre previsti dalla sentenza è stato affidato ai servizi sociali, con detenzione domiciliare nel fine settimana e nei giorni festivi. Così ha deciso il tribunale per i minorenni di Palermo per il giovane che oggi ha 23 anni. Il suo fine pena è previsto nel febbraio 2024. Fino ad alloraleggi di più…