Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

associazione

L’Associazione bancaria italiana auspica il rinvio delle norme che prevedono maggiori requisiti patrimoniali. Afferma che la proposta è per aiutare le famiglie. Ma sorgono forti dubbi, viste le condizioni degli istituti italiani, MPS in primis.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Abi: rinviamo Basilea 3 per l'economia. Macchè: la richiesta è per le banche

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Si sta svolgendo ad Acquapendente una manifestazione di musica, teatro, new media per una nuova partecipazione alla legalità organizzata dalla Associazione iTusci

Uno dei momenti basilari sarà la presenza, il 6 dicembre 2012 alle ore 10, di Gherardo Colombo che parlerà di “Educazione e regole: una convivenza possibile”. Nel colloquio con le scuole e la cittadinanza aiuterà ad “apprendere che stare insieme implica delle regole è alla base dell’educazione e della convivenza. Regole che spesso tralasciamo, educazione che sempre più spesso demandiamo ”agli altri”, ai nuovi mezzi di formazione/informazione, sottovalutando il diretto collegamento tra il comportamento e l’educazione che di fatto ne deriva. Ma sarebbe possibile giocare in una squadra di calcio senza conoscere le regole del gioco? Allora è necessario avviarsi su un percorso di chiarimento che conduca ognuno di noi a comprendere il valore ed il senso delle regole ed il potenziale che dalla conoscenza e rispetto di esse deriva.  Per arrivare a capire che molte delle nostre opportunità/diritti, ad esempio, sono scritti  nella nostra Costituzione, e che la nostra felicità, o infelicità, passa di frequente dalla conoscenza, o mancata conoscenza , delle  “regole” che ci siamo dati”.

Equitalia indagata per usura. Lo rivela il Messaggero Veneto che parla di “strozzinaggio“. Idilia Pajer, referente de “Lo sportello”, un’associazione che si occupa di dare solidarietà e assistenza a imprenditori in difficoltà, e di Federfriuli, ha depositato ieri in tribunale a Pordenone, negli uffici di polizia giudiziaria, una decina di esposti nei quali si dimostra, perizie alla mano, i tassi usurari applicati da Equitalia. “La legge 108 del 96 è chiara – ha spiegato Pajer – e individua il tasso d’usura non solo nella rilevazione delle cifre iscritte come interessi ma sommando tutte le voci che si aggiungono al debito originario”. Sanzioni, interessi, aggio di Equitalia, danno il tasso effettivo applicato dalla Spa. E, secondo le perizie che accompagnano gli esposti, quel tasso si colloca ben al di sopra della soglia di usura.

Eutanasia, analisi genetica preimpianto: se cercate due questioni della quali la partitocrazia farebbe volentieri a meno di discutere, è difficile trovarne di migliori. Poi però ci sono le persone, con le loro storie individuali. E c’è persino l’Europa, o almeno quel poco che basta a aprire varchi nei proibizionismi italo-vaticani.
Già, le persone. Come la coppia affetta da atrofia muscolare che è dovuta arrivare fino a Strasburgo per veder riconosciuto il diritto a provare a mettere al mondo un figlio non colpito dalla stessa malattia. O le persone come Gilberto, che da malato di cancro al fegato ha risposto all’appello dell’associazione Luca Coscioni (A.A.A. malati terminali cercasi) spiega, con le parole più semplici e più vere, perché “uscirebbe sconfitto” nella sua dignità e nella sua stessa concezione della vita se fosse costretto a passare gli ultimi 10 giorni della sua vita in condizioni fisicamente distrutto e non più in grado di intendere e di volere. Per lui non può servire Strasburgo. Semmai la Svizzera, avendo il tempo e trovano i soldi per morire da esiliato dallo Stato Etico Italiano.

Nel bel mezzo delle polemiche che hanno investito l’Ilva in queste ultime settimane, c’è chi decide di premiare il Gruppo Riva, conferendogli il titolo di “imprenditori dell’anno”. Ad assegnare il ‘prestigioso’ riconoscimento è un’associazione della Valcamonica, l’Assocamuna, l’associazione degli imprenditori della Vallecamonica, Sebino, Valcavallina e Val di Scalve, con sede a Cividate Camuno, in provincia di Brescia. La cerimonia di premiazione doveva avvenire la sera del 29 novembre all’Hotel Rizzi Acquacharme di Darfo Boario Terme: peccato che nessuno della famiglia possa presentarsi a ritirare il premio. Il patron Emilio Riva è agli arresti domiciliari, così come suo figlio Nicola. L’altro figlio, Fabio, è fuggito all’estero, forse a Miami.

Wendy Williams si spoglia per Peta, l’associazione che si batte per i diritti degli animali. (foto Splash) 


pubblicato da Libero Quotidiano

Wendy Williams si spoglia per i diritti degli animali

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Roma, 23 nov. – (Adnkronos) – Sacchi dell’immondizia che si trasformano in borse, vecchi auricolari in orecchini, giocattoli buttati via che tornano come nuovi. Dagli oggetti di design a quelli di uso quotidiano fino a vere e proprie opere d’arte: i rifiuti si trasformano in materia prima per realizzare creazioni originali in grado di coniugare creatività e rispetto per l’ambiente. In puro spirito ‘Zero Waste’, parte oggi “Art’Eco, l’arte del RiUso”, il villaggio dell’ecosostenibilità con cui Ama partecipa alla Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti.

L’iniziativa, fino al 25 novembre presso il centro culturale Elsa Morante di Roma, al XII Municipio, comprende un percorso espositivo e una serie di laboratori aperti al pubblico per imparare a riciclare giocattoli e plastica, o rimettere in sesto vecchie biciclette. Consigli importanti, soprattutto per chi abita in una città come Roma “in cui si producono 650 kg di rifiuti a persona l’anno, rispetto alla media nazionale di 530 kg pro capite”, dichiara Piergiorgio Benvenuti, presidente dell’Ama, che ricorda: “tra il 2000 e il 2007 la crescita dei rifiuti è raddoppiata rispetto al Pil, solo nel 2011 e quest’anno la tendenza non è andata in quella direzione a causa della congiuntura economica negativa”.

Tra la crisi economica e quella ambietale, quindi, imparare a riusare diventa fondamentale. Nell’area espositiva del centro culturale Elsa Morante si può trarre qualche spunto: qui sono esposti oggetti di design e accessori di abbigliamento prodotti con materiali di scarto, come la linea ‘Carmina Campus’ di Ilaria Venturini Fendi che usa come materia prima i sacchi della spazzatura; i gioielli byLudo di Ludovica Cirillo che trasforma i cosiddetti Raee (i Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) in orecchini, collane e oggetti per la tavola; le shopping bag dell’associazione Diletta Vittoria fatte in carta riciclata, ma anche sculture e quadri firmate dagli artisti del riuso Howtan Re, Federico Paris e Alessandro Baronio.

Nella sala dedicata ai laboratori si può invece partecipare, gratuitamente e fino a esaurimento posti, alle attività pensate dall’associazione non profit ‘Salvamamme’ per imparare a rimettere a nuovo i vecchi giocattoli; dall’associazione umanitaria ‘Refugee ScArt’ per trasformare i rifiuti in borse, cinture , collane e complementi di arredo; dall’associazione culturale ‘Duepuntozero’ che fa poesia con i rifiuti, e dall’associazione ‘Trait d’union’ che utilizza carta e scarti edili per creare complementi d’arredo e biglietti augurali.

Il laboratorio all’aperto è quello dell’associazione ‘Ciclonauti’ e della sua ciclofficina messa a disposizione per rimettere in sesto vecchie bici. Proprio accanto c’è lo stand del Corpo Forestale che, in vista delle feste, informa il pubblico su come evitare che il proprio albero di Natale si trasformi in un rifiuto: dal 7 al 19 gennaio, infatti, condurrà con Ama la raccolta straordinaria di alberi di Natale per poi ripiantare quelli in buone condizioni e trasformare in compost quelli morti.

E per quanto riguarda Ama? “Stiamo accelerando sulla differenziata – spiega Benvenuti – anche nel IV Municipio, e sulla raccolta dell’umido che poi viene trasformato in compost nell’impianto di Maccarese”. E lancia due appelli: il primo “a non creare troppi rifiuti”, dice il presidente di Ama; il secondo “è un invito a non bere acqua minerale, ma preferire quella del rubinetto. L’Italia è il terzo Paese al mondo e il primo in Europa per il consumo di acqua minerale, questo significa che si consuma anche troppa plastica generando troppi rifiuti”.

Sono in aumento le violenze contro le donne all’interno di rapporti sentimentali. Secondo le anticipazioni dei dati 2012 di Telefono Rosa, diffusi alla vigilia della Giornata contro la violenza alle donne di domenica questo tipo di abusi ha raggiunto l’85% di tutte le violenze, il 3% in più del 2011. Questo dato – commenta l’associazione – “dimostra l’urgenza di ripartire dalle relazioni donna-uomo, proprio gli uomini inizino davvero a farsi carico di questa vera e propria tragedia”.

Interromperanno lo sciopero della fame. Secondo quanto ha dichiarato Mariangela Lamanna, vicepresidente dell’Associazione 16 novembre che coordina la protesta, l’assicurazione ricevuta dal governo di raddoppiare il fondo per la non autosufficienza per ora è ritenuta soddisfacente. La Lamanna ha rivolto un appello a tutti i malati pregandoli di interrompere lo sciopero: “Abbiamo ricevuto delle risposte. Il Senatore Ignazio Marino si è preso personalmente carico di parlare con il ministro Renato Balduzzi. Ha ammesso insieme al sottosegretario Polillo che i 200 milioni sono una cifra inconsistente e il governo si è impegnato a portare il fondo a 400 milioni di euro“.

Siamo ormai in un mondo di “fashion victim”? Decisamente sì, e non solo nel senso di persone che seguono acriticamente le mode del momento. Secondo l’ultimo rapporto di Greenpeace, Toxic threads – The fashion big stitch-up, l’industria tessile provoca infatti danni gravissimi all’ambiente, ma anche alla salute. Lo rivelano le analisi chimiche eseguite su decine di prodotti dei marchi più importanti del pianeta. Due terzi dei quali, in base ai risultati, contengono sostanze tossiche e nocive. “I 20 principali brand di moda vendono indumenti contaminati da sostanze chimiche pericolose che possono alterare il sistema ormonale dell’uomo – rivela l’associazione ambientalista – Se rilasciate nell’ambiente, possono diventare cancerogene”.

Archivi