Recovery fund: Bankitalia,impatto fino a 3 punti Pil

(ANSA) – ROMA, 07 SET – Le stime dei benefici per l’economia italiana dalle risorse del Recovery Fund sono difficili da quantificare e “l’incertezza è molto elevata”. Ma “si può tuttavia affermare con ragionevole certezza che tali benefici potranno essere molto rilevanti per il nostro paese”. Lo afferma la Banca d’Italia in audizione alla commissione bilancio della Camera che ha comunque simulato, con il suo modello econometrico, due scenari che prevedono, in quello più favorevole, un aumentoleggi di più…

Economia italiana tornata ai livelli del 1993, per Visco (Bankitalia) urgenti le riforme

E’ stato un ritratto impietoso quello fatto all’economia del nostro Paese dal governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco,  intervenendo a Trieste nel corso dell’ EuroScience Open Forum 2020.
“L’emergenza Covid-19 ha colpito profondamente l’economia italiana: a metà del 2020 il Pil è tornato a livelli osservati all’inizio del 1993. In termini pro capite, il Pil è sceso ai valori registrati alla fine degli anni ’80” ha evidenziato il Governatore alla conferenza scientileggi di più…

Mediobanca:Bankitalia,nessun ostruzionismo,faro su controllo

L’ok all’aumento della quota di Delfin nel capitale di Mediobanca è stato dato dalla Bce “su conforme proposta della Banca d’Italia”, che replica ad alcune “ricostruzioni non corrette” precisando che l’istituto “non ha, per quanto ovvio, aperto alcun ostruzionismo, né rigettato precedente richieste di Delfin, mai formulate”.
Lo si legge una nota “fact checking” pubblicata dalla Banca d’Italia sul proprio sito nel quale l’istituto spiega che con l’autorizzazione data dalla Bce “Delfin potrà auleggi di più…

Bankitalia: Italia poco connessa, rete sotto stress Covid

Un’Italia ancora troppo poco ‘connessa’ che registra ritardi nello sviluppo di reti a banda larga ultra veloce, diffuse in maniera non uniforme sul territorio nazionale. E con l’emergenza Covid, che ha costretto le persone nelle proprie case, obbligando aziende pubbliche e private a ricorrere allo smart working, i nodi sono venuti ancor più al pettine.    A mettere sotto la lente di ingrandimento la situazione del nostro paese nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di telecomunicazionleggi di più…

Inps-Bankitalia, oltre metà delle imprese ha usato la Cig-Covid

Nei mesi di marzo e aprile oltre la metà delle imprese italiane ha fatto uso della Cig-Covid. La cassa integrazione ha riguardato quasi il 40% dei dipendenti del settore privato. È quanto emerge dallo studio “Le imprese e i lavoratori in cassa integrazione Covid nei mesi di marzo e aprile”, effettuato dalla Direzione Centrale Studi e Ricerche dell’Inps in collaborazione con la Banca d’Italia.
La quota di imprese che ha fatto ricorso alla Cig-Covid è pari al 45% nel Nord Est, al 48% nel Nord Oleggi di più…

Inps-Bankitalia, oltre metà delle imprese ha usato la Cig-Covid

Nei mesi di marzo e aprile oltre la metà delle imprese italiane ha fatto uso della Cig-Covid. La cassa integrazione ha riguardato quasi il 40% dei dipendenti del settore privato. È quanto emerge dallo studio “Le imprese e i lavoratori in cassa integrazione Covid nei mesi di marzo e aprile”, effettuato dalla Direzione Centrale Studi e Ricerche dell’Inps in collaborazione con la Banca d’Italia.
La quota di imprese che ha fatto ricorso alla Cig-Covid è pari al 45% nel Nord Est, al 48% nel Nord Oleggi di più…

Bankitalia, serve sforzo straordinario, non basta calo tasse

“Uno sforzo straordinario nell’attività di programmazione e una capacità di realizzazione che non sempre il Paese ha mostrato di possedere dovranno accompagnare l’aumento delle risorse disponibili. L’impatto sull’economia dipenderà anche dal miglioramento del contesto in cui si svolge l’attività di impresa. Sarebbe rischioso assumere che incrementi di spesa e riduzioni di imposte possano automaticamente tradursi in una crescita economica sostenuta e duratura senza un impegno continuo per il leggi di più…

Bankitalia: ‘Riforme in tempi rapidi, senza inefficienze’

 “Per il nostro paese inizia ora un percorso tutt’altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati; soprattutto tali progetti andranno attuati senza ritardi e inefficienze. È la condizione per garantire l’effettivo accesso ai finanziamenti previsti dal Next Generation EU, per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana”. Così il capo del Servizio Struttura economica della Banca d’Italia Fabrizleggi di più…

Bankitalia: peggiorano le aspettative delle imprese

 Peggiorano le aspettative delle imprese sulla situazione economica generale. Secondo l’indagine condotta dalla Banca d’Italia tra il 25 maggio e il 17 giugno 2020 presso le imprese italiane con almeno 50 addetti, i giudizi sulla situazione economica generale nel secondo trimestre del 2020 “sono peggiorati rispetto alla precedente indagine condotta in marzo”. Le imprese riportano una ampia flessione della domanda corrente. Le attese a breve termine sulle vendite sono invece meno pessimistiche, leggi di più…

Bankitalia: +11,5% prestiti a imprese a marzo-maggio

(ANSA) – ROMA, 10 LUG – Nei tre mesi fra marzo e maggio la crescita dei prestiti bancari alle imprese “è decisamente aumentata”, con un +11,5% su base annua (+23 miliardi), beneficiando “degli interventi di sostegno alla liquidità da parte del governo e degli altri organismi nazionali e internazionali”. Lo scrive Bankitalia nel Bollettino economico, spiegando che se fra marzo e aprile i maggiori prestiti hanno riguardato quasi solo le imprese medio-grandi, a maggio “sono aumentati anche i finaleggi di più…