Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

bunga

“Tutti quelli che stroncano la Bbc dovrebbero essere obbligati a vedere la tv italiana, francese e americana per una settimana”. Dopo settimane durissime e vissute sotto pressione per gli scandali che si sono abbattuti sulla emittente inglese Bbc (in primis il caso di pedofilia del conduttore Jimmy Savile e dell’omertà che lo ha circondato, nonchè la falsa accusa a Lord McAlpine), il presidente della rete, Lord Patten, esce dall’angolo e usa parole dure nei confronti dell’omologo italico, ossia la Rai. “Se volete la tv italiana con il ‘bunga bunga’ e con il primo ministro che decide chi debba guidarla – ha aggiunto – allora accomodatevi”. Accusare il Cavaliere quando si è in difficoltà, insomma, fa comodo anche nel Regno british… 

“Vogliamo orgia”. E’ questa la frase che fino a ieri “compariva” sulla pagina Facebook di Giorgia Meloni, candidata alle primarie del Pdl. In realtà nella foto di copertina, quella più grande, del profilo social dell’ex ministro del governo di Silvio Berlusconi compariva la scritta “Vogliamo Giorgia” ma un’immagine pià piccola della Meloni copriva le prime due lettere. In pochi minuti la rete è stata invasa da commenti più o meno ironici che facevano riferimento alle presunti nottate “bunga bunga” dell’ex premier. Ovviamente, pagina Fb e copertina sono state rimosse subito dopo.  


pubblicato da Libero Quotidiano

Non vede l’ora di sfogarsi Ruby Rubacuori. Vuole chiarire la sua posizione sullo scandalo “bunga bunga” che l’ha travolta insieme a Berlusconi e lo farà durante in aula davanti ai magistrati. “Sono io il fulcro di questo processo”, dice intervistata da Tgcom 24. “Non vedo l’ora che mi chiamino e quando mi chiameranno ci andrò”. Karima El Mahroug, alias Ruby, alla vigilia del processo che vede il Cav imputato per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile ricorda: “C’erano ragazze più disinvolte, altre che lo erano meno. Io facevo parte della seconda categoria. Per me va bene così, non ne voglio nemmeno parlare, è una cosa che ormai ho resettato dalla mia mente. Non voglio ricordarla neanche”. Al momento Ruby sogna la moda e le sue priorità sono fare la mamma e chiarire la sua posizione sul caso “bunga bunga”: “Dopo questo casino la mia vita non è più quella di prima, non sono più la persona di prima e non ho più l’immagine di prima”. Alla domanda se ci siano stati o meno rapporti intimi con l’allora Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, Ruby ha risposto secca: “Assolutamente no”.

Nessuna scena sessuale ad Arcore, nessuna pressione sui funzionari della questura di Milano e “bunga bunga” è solo una battuta. Sono i passaggi principali della memoria che Silvio Berlusconi ha letto in tribunale a Milano davanti al collegio giudicante per il cosiddetto processo Ruby, dove l’ex presidente del Consiglio è imputato per concussione e prostituzione minorile. “Posso escludere con assoluta certezza che si siano mai svolte scene di natura sessuale” a Arcore, ha detto il Cavaliere in aula. Berlusconi è arrivato a Palazzo di giustizia accompagnato dalla parlamentare nonché sua assistente Maria Rosaria Rossi

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Il consigliere regionale del Piemonte Maurizio Lupi è diventato famoso per i festini organizzati con Lele Mora, la sosia di Marilyn Monroe, Suzie Kennedy, l’ex velina bionda di Striscia la Notizia Veridiana Mallman e Ambra Battilana, la “pentita” del Bunga bunga. Le foto delle feste sono sul profilo facebook del consigliere dei Verdi-Verdi. 


pubblicato da Libero Quotidiano

Lupi, il consigliere piemontese ai festini con Mora e la Battilana

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

 

Dopo la bufera Fiorito che ha sconvolto la Regione Lazio e le indagini sui consigli di Campania, Sicilia ed Emilia Romagna, è scandalo in Piemonte. Ieri c’è stato il blitz della Guardia di Finanza per mettere le mani sulle spese pazze dei gruppi consiliari fra autocertificazioni e rimborsi chilometrici. Il Consiglio regionale spende infatti 7,5 milioni di euro per finanziare i suoi gruppi (secondo solo alla Sicilia) e addirittura assegna fondi anche ai monogruppi autonomi (riferiti cioè ad una persona sola) che possono quindi disporre di 225mila euro. E’ questo il caso del consigliere esponente unico dei Verdi-Verdi Maurizio Lupi immortalato anche ai festini con Lele Mora e la “pentita” del bunga bunga Ambra Battilana. 

La denuncia e l’inchiesta - Ieri mattina i finanzieri sono entrati negli uffici dei gruppi politici del Consiglio Regionale del Piemonte per acquisire documentazione relativa alle spese degli stessi gruppi. I finanzieri, riferiscono fonti interne ai gruppi, stanno conferendo con i relativi capigruppo, che sono i legali rappresentanti. L’acquisizione avviene nell’ambito di un’indagine conoscitiva avviata nei giorni scorsi dalla Procura di Torino  volta ad accertare se vi sia stata qualche malversazione o mancanza soprattutto nei bilanci dei gruppi in Consiglio regionale e nelle rendicontazioni delle spese dei consiglieri, come le autocertificazioni di missioni e trasferte, i rimborsi chilometrici, e  cosi via. Tra i primi passi dei magistrati questa acquisizione di documentazione contabile tramite l’ufficio di presidenza di Palazzo Lascaris. Al momento i pm non avrebbero formulato ipotesi di reato e non vi sono persone sottoposte a indagini. La decisione della Procura di inviare le Fiamme Gialle potrebbe essere legata alla rivelazione del deputato Pdl Roberto Rosso che ha denunciato, prima a Telelombardia, poi al sito del Fatto il caso di un consigliere regionale piemontese che si era fatto pagare la settimana bianca a Sestrière facendola passare come trasferta di lavoro.
Le feste con Mora e la Battilana del consigliere Lupi – Emblematico anche il caso del consigliere Maurizio Lupi, omonimo del ben più noto esponente del Pdl, che, come riporta il Corriere della Sera, oltre ad inventare liste e organizzare festini, è uno dei consiglieri più rimborsati della Regione Piemonte. Nel 2011 oltre allo stipendio rimpolpato di varie indennità, ha incassato più di 31mila euro di autocertificate presenze sul territorio e rimborsi sui chilometri percorsi “per attività politiche”. In particolare, nel solo mese di agosto 2011 Lupi ha ricevuto 1415 euro per 2848 chilometri percorsi e 2075 euro per presenze in eventi e occiasioni di carattere politico “Sedici volte di più in totale del governatore Cota“. Ma Lupi è ormai famoso per i festini organizzati con Lele Mora, la sosia di Marilyn Monroe, Suzie Kennedy, l’ex velina bionda di Striscia la Notizia Veridiana Mallman e Ambra Battilana, la “pentita” del Bunga bunga. Le foto delle feste sono sul profilo facebook del consigliere dei Verdi-Verdi. 

“Il Piemonte non è come il Lazio” - Immediata la replica del governatore del Piemonte, il leghista Roberto Cota: ”Si tratta di un’indagine conoscitiva in tutti i gruppi consiliari. Ben venga, non c’è nulla da nascondere”. ”Come presidente della Regione posso rivendicare – ha aggiunto Cota a margine degli Stati generali del Nord – che   concretamente dall’inizio di questa legislatura ho varato una serie di  provvedimenti per ridurre i costi della politica, dunque in tempi non sospetti ho ridotto il numero degli assessori, mi sono autoridotto l’indennità in attesa che il Consiglio regionale facesse una legge, il Consiglio dietro mio input ha dimezzato le indennità di fine rapporto, ha ridotti i costi di funzionamento e in questi ultimi giorni sono state varate ulteriori misure di riduzione dei costi della politica e nella direzione della chiarezza e della trasparenza e tutto quello che va in questa direzione ben venga”.

 

Gelo tra Nicole Minetti e Lele Mora in tribunale a Milano alla ripresa del processo “Rubi-bis”. Entrambi indagati, insieme a Emilio Fede, per favoreggiamento e induzione alla prostituzione, in aula erano seduti una davanti all’altro ma non si sono nemmeno salutati evitando durante tutta l’udienza di rivolgersi la parola e di incrociare gli sguardi. Mora ha detto: “Il bunga bunga? Una barzelletta”.

 


pubblicato da Libero Quotidiano

Minetti e Mora vicini in Aula ma tra i due nessun saluto

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

“C’è chi fa l’avvocato, il medico, l’attore comico. Non vedo perché io non possa avere una seconda occupazione, se così vogliamo chiamarla visto che comunque è stata una tantum”. Nicole Minetti irrompe alla settimana della moda di Milano e non delude le aspettative. L’ex igienista dentale di Silvio Berlusconi diventata consigliera regionale in Lombardia, imputata con Lele Mora ed Emilio Fede per induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile per affaire bunga bunga, rivendica la scelta di “modella per un giorno” e non teme affatto le critiche dei colleghi del Pdl: “Sinceramente non vedo perché dovrebbero esserci delle polemiche. Qualcuno dell’opposizione potrà strumentalizzare la mia presenza qui, ma fa parte del gioco”. Del resto, “che c’è di male a mettersi in costume da bagno? Chi fa politica non può mettersi in costume da bagno?”. 

All’improvviso ricompare Silvio Berlusconi in crociera sulla Divina coi suoi fan, da Venezia a Bari.
Una riedizione di Azzurra, la nave della Libertà col Cavalier Schettino al timone, dopo dodici anni di miracoli mancati, di menzogne a gogò, di bunga bunga e una rovina sfiorata.

 Rieccolo!

Senza le occhiaie, col capello folto
di un osceno colore marroncino,
con otto chili in meno, liscio il volto
come quello d’un florido bambino,

in tenuta sportiva, con badante,
gorilla, portavoce, fidanzata
e Mariano Apicella schitarrante,
sulla Divina, nave noleggiata

dal mitico Sallusti del Giornale,
è ricomparso Silvio Berlusconi,
nelle menzogne recordman mondiale.
Arringa quattrocento creduloni

cui raccontare i prossimi prodigi:
Aboliremo l’Imu come già
l’Ici abolimmo da Palazzo Chigi.
La finiremo con l’austerità

Prima associazione al suo nome: il decolleté. E’ indicato, dai nemici, come il motivo del suo successo. In Transatlantico se ne parla, si fanno battute “e il mistero è scoprire quanto porto di reggiseno. Ma non è detto che io lo indossi… E comunque non è neanche il mio miglior pregio fisico”. Classe 1972, imprenditrice, magra, curata senza troppi eccessi, da tempo è la persona più vicina a Silvio Berlusconi. Di lei i colleghi di partito offrono un’immagine: accoglie tutti seduta cavalcioni sulla scrivania del capo e decide chi può e per quanto, incontrare l’ex premier. “Cavolate, sono i giornali ad aver costruito questo mito. La realtà è un’altra”.

Archivi