Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Carlo

di Carlo Franza 

Qualche anno fa scrivevo in “Arte Service”, un settimanale d’arte che girava in edicola e diretto da Everardo Della Noce  volto televisivo caro alla Borsa di Milano, un servizio sul Tribunale di Milano come luogo del diritto e della giustizia ma anche  Museo tra i più importanti d’Italia arricchito durante il Fascismo da opere  d’arte, affreschi, pitture, mosaici e sculture,di grandi e illustri  artisti italiani da Sironi a Semeghini. In seguito anche l’Avvocato Armando Cillario, penalista di chiara fama, oggi novantenne,con la mia collaborazione, ha fatto affrescare da artisti contemporanei molte aule penali,tra questi i nomi di Salvatore Fiume, Ibrahim Kodra, Ernesto Treccani, Aligi Sassu, Gioxe De Micheli e altri ancora. Ma il Palazzo di Giustizia di Milano non è solo luogo di indagini, dibattimenti e sentenze, qui vivono e lavorano magistrati  i cui nomi sono spesso sui giornali per motivi attinenti al loro mestiere. E taluni non hanno solo una solida attività e carriera alle spalle, ma oltre il lavoro di routine , scrivono, dipingono, fotografano. Ecco allora che abbiamo magistrati scrittori e saggisti come  Armando Spataro Sostituto Procuratore, fotografi  come Pietro Forno Procuratore Aggiunto e Lucia Tramontana Sostituto Procuratore e pittrice, per citarne alcuni. E questo non solo a Milano, che le procure in Italia sono piene di  magistrati artisti e non da poco come Gianrico Carofiglio a Bari che ha appena pubblicato “ Il silenzio dell’onda” da Rizzoli . Ecco allora che Pietro Forno e Lucia Tramontana sono stati invitati nel Progetto “Scenari” al Plus Florence di Firenze(Via Santa Caterina d’Alessandria 15) a tenere una mostra personale con le loro opere.   

Pietro Forno, piemontese, 66 anni, magistrato,Procuratore Aggiunto,  vive e lavora a Milano. Ha tenuto mostre personali e collettive a Milano, Bari, Genova (in occasione del cinquecentenario della scoperta dell’America), Ballabio, ecc. Ha la passione per la natura, lo scialpinismo e la fotografia.  Ha vinto  il Premio della Arti Premio della Cultura  edizione XXIV 2012 per la fotografia, al Circolo della Stampa di Milano. In mostra trenta fotografie che raccontano il mondo della natura e i mille particolari di essa. Ogni cosa nella fotografia  di Pietro Forno  è  svelata dalla luce, e il mondo tutto nei suoi tre ordini, animale, vegetale e minerale, si porge in una pluralità di forme e figure  grazie alla luce che svela, per cui ogni immagine fotografica  per sua natura  astratta, fa ritrovare, nel gesto di cosa si vuole catturare  con l’occhio, un modo di guardare e osservare tutto ciò che ci circonda. Magistralmente, da anni,  questo potenzialità del mito vive nell’interpretazione della polisemia dei simboli e nella tecnica  del lavoro fotografico di Pietro Forno  che conferisce ai suoi “prodotti” un valore magico. E’ quanto si legge negli oggetti, nel paesaggio, nella natura fermata dal fotografo Pietro Forno, tanto che la sua fotografia  tra realtà,  astrazione e concetto vive tra emozioni e intelletto. Immagini di grande linguaggio  dove ogni cosa catturata in un attimo  trasfigura non solo la realtà  e propone nuove identità visive, ma queste  lasciano leggere anche la viva sensibilità interiore e la ricchezza di umanità del fotografo stesso . Ecco perchè Pietro Forno trasforma il suo apparecchio fotografico in un occhio meditativo, sviluppando non solo una straordinaria poesia dello sguardo, ma porgendosi narratore, come pochi, del mondo che  il cuore suo ha scandagliato.  

Lucia Tramontana, magistrato, Sostituto Procuratore, è nata a Carate Brianza nel 1967. Ha sempre vissuto  e lavorato a Milano, eccetto un  breve periodo torinese. Coniugata, con quattro figli, dipinge da tempo. Ha esposto in collettive italiane (vedi Galleria San Carlo – Milano).  Ha vinto  il Premio della Arti Premio della Cultura  edizione XXIV 2012 per la pittura, al Circolo della Stampa di Milano. Le opere di Lucia Tramontana vivono l’urgenza esistenziale innestata, da una parte, nella neofiguralità che  va in una direzione più coloristica dovuta a un certo spirito  espressionista, dall’altra cercano di esprimere  entro un pauroso clima,  quasi kafkiano,  la drammatica situazione dell’uomo massificato  e disumanizzato. In tal senso parlano per l’appunto quei volti, quegli urli e quelle tensive che si rivelano veri e propri  capolavori, per aver raggiunto un singolare livello di profondità e di trascendenza nel presentare la situazione esistenziale dell’uomo di fronte a violenze e alienazioni. La sua è una neofigurazione  che ha radici nell’espressionismo tedesco, ma vive poi in modo singolare  in certo realismo naturalistico dove paesaggi e universi attraverso una pasta lievitante e dolcemente corrosa declinano grovigli di interventi pollockiani, un flusso di materia germinale, un polimorfo sensismo, una partecipazione alla sostanza viva, animata e perenne del mondo nella sua tattilità materica,un ritmo originario ed esistenziale che arriva a farsi anche urlo. Il colore materia  è ricco di luminescenze scattanti in una calamitazione soggettiva  di persistenze espressioniste, perchè Lucia Tramontana  riconduce tutto ad una dimensione lirica che avvolge la sostanza segreta di cose, natura e persone; forsanche un ultimo  romantico  e disperato tentativo di salvataggio della visione naturale.

Ecco perchè due mostre così non sono da lasciar passare inosservate, perchè oltre a campionare un lavoro magistrale, svelano in ambedue questi magistrati una toccante sensibilità umana.

L’ombra delle cosche di ‘ndrangheta si allunga sui due gioielli della sanità cattolica romana, l’Idi e il San Carlo di Nancy, i due ospedali della Congregazione dei figli dell’immacolata concezione al centro di una vera e propria bufera. Un colosso, un gruppo potente, sponsorizzato da pezzi importanti del vaticano, con 1600 dipendenti, caduto da mesi in una profonda crisi, con un buco nei bilanci che – secondo fonti accreditate – sfiora i 600 milioni di euro, facendo presagire un nuovo caso San Raffaele.

Hanno dovuto abbandonare all’improvviso le proprie case. Uomini, donne , bambini, anziani. Senza sapere quando vi potranno fare ritorno. Un lungo esodo per duecento persone di San Carlo, frazione di Sant’Agostino – uno dei comuni più colpiti dal terremoto del 20 maggio – che raccoglie poco più di mille abitanti in tutto.

Dopo gli ultimi sopralluoghi compiuti dal Servizio geologico e sismico dell’Emilia Romagna, è stata rilevata la possibilità di smottamenti del terreno in due quartieri, dovuti al fenomeno della liquefazione, che ha creato una sorta di “vuoto” nel sottosuolo. La relazione, seguita ai sopralluoghi del giorno precedente, non ha lasciato dubbi sulla necessità di uno sgombero precauzionale. E così si è messa in moto la macchina dell’esodo forzato: il paese è stato invaso da oltre un centinaio di unità appartenenti a protezione civile, carabinieri, polizia, guardia di finanza, Forestale, Anc, Croce rossa.

Intanto lunedì si riunisce la commissione tecnica del Quirinale per capire se davvero la campana del Palazzo della Presidenza della Repubblica toglie il sonno ai romani, come raccontato da Libero sul numero di venerdì scorso, battendo tutte le ore. Poi si vedrà. Perché la storia della campana del Quirinale è diventata un giallo.  Sono i rintocchi di “casa” Napolitano a disturbare le notti “tragiche” dei romani, oppure le chiese vicine? Stando a quanto raccolto dall’AdnKronos, che si è fatta il giro delle sette chiese, i parroci negano. Nelle immediate vicinanze del Quirinale sorgono Sant’Andrea al Quirinale, la chiesa dirimpettaia del Colle retta dai Gesuiti e, un po’ più in là, la chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane. Dunque, qual è la campana che disturba il sonno del quartiere? La chiesa di S. Andrea non lascia dubbi: «Noi non abbiamo campane». Da S. Carlo il concetto non cambia: «Il nostro è un campanile morto». Non che nella chiesa di via del Quirinale non si celebrino funzioni religiose: «Le messe vengono celebrate alla mattina presto e alla sera, ma nessun rintocco esce dalle nostre campane».  Resta solo il Quirinale…

Archivi