143210286 2bf002cb abcc 4caa b5ce 776ef3e4e659

Elezioni comunali, a Torino il centrodestra è davanti nei sondaggi. Ma centrosinistra e 5 Stelle uniti vincono al primo turno

A Torino il centrosinistra è sotto rispetto al centrodestra che avrebbe un vantaggio di due punti. Una forbice del 40-41% contro il 42-43% del centrodestra. Per vincere al primo turno è fondamentale l’alleanza con il Movimento 5 Stelle di Conte al primo turno, che il sondaggio di Ipsos commissionato dal Pd nazionale dà piuttosto alto, molto più delle previsioni locali, al 13%.Se non ci fosse l’accordo al primo turno resta la sfida al ballottaggio con tutte le incognite del caso. Il Pd è foleggi di più…

123116254 5a06b27b 3318 4de0 9cc9 914c6c82b50c

Prodi tra Conte e Letta, torna il sogno di un centrosinistra all’ombra dell’Ulivo

BOLOGNA – Romano Prodi sente spesso Giuseppe Conte, prossimo possibile leader del Movimento 5 Stelle. “In realtà lo sente da più di un anno” fanno sapere i più stretti collaboratori del Professore bolognese. Ma se è per questo il padre dell’Ulivo sente anche Enrico Letta: l’ex presidente del consiglio “licenziato” da Palazzo Chigi nel 2015 per mano di Matteo Renzi che tra poche ore potrebbe sedere al Nazareno per sanare le ferite dell’addio di Nicola Zingaretti. Così, il Prof  sta un po’ ileggi di più…

184302789 8d935f53 bc2b 4af8 a6f7 99189e295f24

Dimissioni di Zingaretti, ora il Pd è al bivio tra un campo di centrosinistra e le sirene centriste

È stata una decisione sofferta, quella di Nicola Zingaretti, ma non improvvisa. Le dimissioni da segretario del Pd arrivano dopo settimane di una guerriglia interna che si è rianimata dopo la fine del Conte bis, ma che aveva già avuto altri picchi nel corso del suo mandato. Il punto di non ritorno è stata l’ultima direzione del partito, nella quale Zingaretti ha proposto l’avvio di un congresso rifondativo, tutto centrato sull’identità e le proposte per rilanciare la principale forzaleggi di più…

020948001 4b813ae7 d2d5 4994 be3a 25dc0fe5c40b

Calabria, il blitz di de Magistris ha già spaccato il centrosinistra

Catanzaro – Se l’intento era di sparigliare le carte delle prossime regionali in Calabria, il primo obiettivo Luigi de Magistris l’ha raggiunto. In tempi rapidi, attorno a sé ha aggregato buona parte dei civici che il Pd puntava a coinvolgere, strappando persino un impegno personale da candidato capolista all’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano. Uno smacco per i dem, che da tempo lo corteggiano e anche di recente hanno provato ad arruolare l’ex sindaco di Riace, incassando un secco no.
Ma la candleggi di più…

101559551 631373a8 1acf 42e4 8ef1 34116edeab11

Candidato cercasi, perché il centrosinistra non riesce a scegliere

Mercoledì 17 febbraio, Draghi ha appena illustrato il suo programma, i senatori sciamano dall’aula per la sanificazione. Il forzista Maurizio Gasparri anima un capannello nel salone Garibaldi. “Andrea Abodi è una degnissima persona, da ragazzo stava con noi nel Fronte della gioventù, adesso è presidente dell’istituto di credito sportivo. Ma fuori da qua dentro chi lo conosce? Appunto… nessuno. E si dovrà scontrare con Gualtieri, uno che era ministro fino a ieri”. Altro capannello dleggi di più…

FdI assessora veneta Donazzan canta alla radio Faccetta nera. Il centrosinistra Dimissioni subito

FdI, assessora veneta Donazzan canta alla radio “Faccetta nera”. Il centrosinistra: “Dimissioni subito”

La richiesta di dimissioni e l’intervento della magistratura per l’ipotesi di reato di apologia del fascismo sono state avanzate da alcune forze di centrosinistra nei confronti di Elena Donazzan, assessora all’Istruzione della Regione Veneto ed esponente di FdI, per aver intonato “Faccetta nera” l’altro ieri durante il programma radiofonico “La Zanzara” su Radio24.Una breve esibizione telefonica, su provocazione dei conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo; di fronte alla richiesta di sceglleggi di più…